glicemia alta Diabete
La glicemia alta concorre all’isorgere del cancro al pancreas – FOTO © Getty Images

La glicemia alta, secondo uno studio condotto da ricercatori della Sud Corea, porta all’aumento dei rischi di poter contrarre il cancro al pancreas

Uno studio rivela che un livello di glicemia alta porta ad una maggiore predisposizione ad esporsi al cancro al pancreas, malattia che solitamente non lascia scampo. L’affermazione giunge dopo aver analizzato i risultati di uno studio condotto su più di 25 milioni di persone. Studio volto proprio a cercare delle correlazioni tra la malattia cronica e la glicemia alta. Come noto, l’iperglicemia comporta il diabete, patologia nella quale l’insulina prodotta dal pancreas si dimostra inefficace nel tenere sotto controllo la presenza di zuccheri nel sangue. A parlare di questo è l’autorevole tabloid britannico ‘Daily Mail’, secondo il quale il pancreas deve lavorare in condizioni di pressione molto elevata nel caso di presenza di diabete. Questo rende più plausibile il rischio di contrarre quindi il cancro a tale organo. Lo studio è stato condotto dal dottor Cheol-Young Park dell’ospedale ‘Samsung Kangbuk’ di Seoul.

LEGGI ANCHE –> Bere acqua, fallo ogni 45 minuti e guarda che succede al cervello

Glicemia alta, servono dieta e stile di vita più salutare

In essa è comunque messo in risalto l’importanza del fare prevenzione con controlli accurati ed anche con la modifica di stili di vita sbagliati. Questo porta infatti un miglioramento generale a livello fisico e pure mentale, con un pericolo minore di contrarre malattie. Il diabete è una patologia che affligge quasi mezzo miliardo di persone nel mondo. Si suddivide in tre tipi, dei quali il più diffuso è quello di tipo 2, diffuso nel 90% dei casi su scala globale. Una dieta mirata ed abitudini più salutari, come il fare regolarmente attività fisica anche leggera ed anche bere 2 litri di acqua al giorno in media, fa si che il corpo risulti più preparato a contrastare eventuali rischi. Il diabete può regredire – questo avviene secondo le statistiche in un caso su due – come affermato invece dall’Università di Newcastle in un’altra serie di accurate osservazioni.

LEGGI ANCHE –> Colazione, l’errore che tutti fanno anche nella dieta: “Va assolutamente evitato”