Cancro, individuato il recettore che blocca le metastasi: “Grande scoperta”

0
1303
cancro
Scoperta importante nella ricerca sul cancro © Getty Images

Uno studio italiano ha portato all’individuazione di un protagonista capace di giocare un ruolo assai importante nei casi di cancro.

Un gruppo di ricercatori italiani facenti parte dell‘Università Statale di Milano e di Humanitas ha compiuto una scoperta importante nell’ambito della ricerca contro il cancro. I risultati di queste osservazioni, sostenute dall’Airc, sono stati pubblicati sulla rivista specializzata di settore ‘Nature Immunology’ e protagonista è una particolare proteina, denominata MS4A4A. Questa è in pratica responsabile dell’attivazione di un processo che porta l’organismo a reagire contro il proliferare di metastasi. MS4A4A si trova nei macrofagi, delle peculiari cellule del sistema immunitario, e funzionano unitamente al recettore Dectina-1. Il suo gene responsabile venne alla luce 10 anni fa nei macrofagi associati al tumore, “ma il suo ruolo contro il cancro è emerso solo da poco”, fanno sapere fonti interne al team di studio. Il cui coordinatore è il professore Massimo Locati, docente di Immunologia all’università degli Studi di Milano nonché responsabile del Laboratorio di Biologia dei leucociti di Humanitas.

LEGGI ANCHE –> Colesterolo alto, l’orzo è il rimedio per contrastarlo al meglio

Cancro, grossa scoperta nell’ambito della ricerca: “Individuata proteina fondamentale”

“Nei casi di tumori primitivi, durante i quali non si presenta la condizione di metastasi, i macrofagi si comportano come poliziotti che stanno per essere corrotti. In pratica individuano le cellule tumorali e danno il segnale a quelle ‘natural killer’ di annientarle proprio grazie all’input fornito da MS4A4A. È questo che previene le metastasi, e che rende questa proteina alla stregua di un biomarcatore di macrofagi. Inoltre si intravedono possibilità di adattare tale sostanza a nuovi e futuri approcci immunoterapici. Tanti sono gli enti ed i soggetti di rilevanza coinvolti in questo studio.

LEGGI ANCHE –> Glicemia alta, averla aumenta il rischio di cancro al pancreas