Incidenti stradali: tutti i numeri delle vittime nel 2018

0
36
Getty Images

Incidenti stradali: tutti i numeri delle vittime nel 2018

Secondo i dati Istat il numero dei morti in incidenti stradali nel 2018 è calato dell’1,6% (- 53 unità) rispetto all’anno prima, pur restando ancora troppo alto.

Secondo i dati diffusi dall’Istat nel 2018 sono stati 172.344 gli incidenti stradali con lesioni a persone in Italia, in calo rispetto al 2017 (-1,5%), con 3.325 vittime (morti entro 30 giorni dall’evento) e 242.621 feriti (-1,7%). Tra le vittime risultano in aumento i pedoni (609, +1,5%), i ciclomotoristi (108, +17,4%) e gli occupanti di autocarri (188, +15,3%). Sono in diminuzione, invece, i motociclisti (685, -6,8%), i ciclisti (219, -13,8%) e gli automobilisti (1.420, -3,0%).

Ma se da un lato diminuisce il numero dei morti in generale, aumentano, invece, le vittime sulle autostrade da 296 nel 2017 a 327 nel 2018, +10,5%, a causa dell’incidente avvenuto il 14 agosto 2018 sul Ponte Morandi della A10 Genova-Savona-Ventimiglia, che ha provato 43 vittime. Delle 3.325 vittime nel 2018, 2.667 sono uomini e 658 donne. I conducenti deceduti sono 2.253, i passeggeri 463 e i pedoni 609.

Per gli uomini, si registrano picchi per le classi di età 20-24, 40-44 e 55-59 anni; per le donne, invece, i livelli massimi si rilevano per le classi tra i 70 e gli 84 anni, con un’incidenza molto maggiore di vittime nel ruolo di pedone. I feriti, infine, sono prevalentemente giovani, soprattutto nella classe 20-29 anni. Infine il periodo in cui si registrano incidenti mortali è quello estivo,

Gli incidenti derivano soprattutto da comportamenti errati. Tra i più frequenti si confermano la distrazione alla guida, il mancato rispetto della precedenza e la velocità troppo elevata (nel complesso il 40,8% dei casi). Le violazioni al Codice della Strada risultano in diminuzione rispetto al 2017; le più sanzionate sono l’inosservanza della segnaletica, il mancato utilizzo di dispositivi di sicurezza a bordo e l’uso del telefono cellulare alla guida; in diminuzione anche le contravvenzioni per eccesso di velocità.