Dura replica di Salvini a Conte: “Le sue parole? Mi interessano meno di zero”

0
62
Matteo Salvini
Matteo Salvini (foto dal web)

Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha risposto alle parole del premier Giuseppe Conte in merito all’intervento di quest’ultimo in Senato sul Russiagate.

Non si è fatta attendere la risposta del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, alle parole pronunciate dal premier Giuseppe Conte ieri in Senato in merito al cosiddetto “Russiagate“, il caso relativo ai presunti fondi Russi alla Lega. Salvini, intervenuto ai microfoni della trasmissione radiofonica Radio anch’io, ha prima sminuito il caso parlando di “fantasy di spionaggio in Russia” e di “una storia dell’estate” e poi replicato alle parole di Conte dichiarando: “Mi interessano meno di zero“.

Russiagate, Salvini replica alle parole del premier Conte: “Mi interessano meno di zero

Continua a tenere banco quello che è stato ribattezzato come il “Russiagate“, ovvero il caso legato ai presunti fondi ricevuti dalla Lega da parte della Russia. Ieri in Senato, il premier Giuseppe Conte è intervenuto nell’ambito dell’informativa sul caso spiegando: “Posso precisare – riporta la redazione di Tgcom24che Gianluca Savoini (il presidente dell’associazione Lombardia-Russia ora indagato per corruzione internazionale, ndr) non ha mai rivestito incarichi formali di consulente esperto di questo governo“. “Savoini – ha proseguito Conte- era presente a Mosca il 15 e 16 luglio 2018 a seguito del ministro Salvini“. A queste parole il ministro dell’Interno, Matteo Salvini ha replicato intervenendo ai microfoni di Radio anch’io e affermando: “Mi interessano meno di zero“. Il leader della Lega poi ha proseguito spiegando: “Mi alzo ogni mattina – riporta Tgcom24per andare al Viminale per lavorare. Io finché posso far le cose sto al governo, se dovessi accorgermi che sto al governo per non fare le cose…“. In merito al caso dei fondi russi, Salvini sminuisce parlando di un “fantasy di spionaggio in Russia“, “una storia dell’estate“. “Ci pagano – prosegue il leader della Lega- per far lavorare le persone, per sistemare strade e autostrade. Conte al Senato ha detto quello che dico io da settimane. Non ho mai preso un rublo, vado all’estero per far politica non per far accordi commerciali. Incontrare ministri è il mio lavoro, per l’interesse nazionale italiano“.

Leggi anche —> La foto che sconfessa Salvini: il giallo dei fondi russi alla Lega -FOTO