La Mercedes W10 di Lewis Hamilton (Foto Steve Etherington/Mercedes)
La Mercedes W10 di Lewis Hamilton (Foto Steve Etherington/Mercedes)

F1 | La minaccia tecnica che preoccupa la Mercedes al GP di Germania

C’è una minaccia che rischia di compromettere seriamente le prestazioni della Mercedes nel suo Gran Premio di casa in Germania. No, non arriva dagli avversari, che finora sono stati sempre ampiamente ridimensionati dalla competitività della W10. E non arriva nemmeno dalla configurazione del tracciato, un misto tra tratti veloci e curve medio-lente che semmai rischia di mandare in crisi il sottosterzo della rivale Ferrari.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Niente di tutto questo. A preoccupare davvero i leader del Mondiale di Formula 1 è un avversario molto diverso: il termometro. Già, perché le previsioni meteo per il fine settimana di Hockenheim prevedono che la colonnina di mercurio possa raggiungere addirittura i quaranta gradi: una pessima notizia per la squadra anglo-tedesca, che proprio nelle alte temperature ha scoperto il principale tallone d’Achille della sua monoposto.

Il nemico numero uno della Mercedes: il caldo

Dopo aver trionfato consecutivamente in tutti e otto i primi Gran Premi dall’esordio stagionale, infatti, la Mercedes ha vissuto la sua unica battuta d’arresto (finora) nel Gran Premio d’Austria, dove proprio il gran caldo ha costretto Lewis Hamilton e Valtteri Bottas a correre con un motore depotenziato, per evitare surriscaldamenti e quindi rotture. E proprio questa crisi ha aperto le porte della prima vittoria in questa annata per la Red Bull di Max Verstappen.

E se nell’ultima tappa di Silverstone il fresco meteo inglese non ha riproposto lo stesso scenario, stavolta in terra di Germania la situazione rischia di ripresentarsi invariata. Nel box della squadra di Brackley lo sanno bene, tanto che lo stesso team principal Toto Wolff ha avvisato: “Le previsioni meteo indicano alte temperature, che ci hanno mandato in crisi in Austria, quindi dobbiamo stare attenti”. Naturalmente, dopo le avvisaglie del Red Bull Ring, gli ingegneri teutonici non sono rimasti fermi a guardare con le mani in mano, ma sono corsi ai ripari.

Un nuovo telaio per migliorare il raffreddamento

Il problema è stato individuato nella scarsità di prese d’aria per i radiatori sulla vettura, dovuta alla decisione dei progettisti di sacrificare il raffreddamento a favore della miglior efficienza aerodinamica. Per risolvere questo inconveniente, i tecnici hanno subito predisposto un aggiornamento che sarà introdotto proprio a Hockenheim, come ha recentemente spiegato Valtteri Bottas: “Questo è sempre stato uno dei nostri punti di forza: quando identifichiamo una debolezza chiara o ci rendiamo conto di poter migliorare, normalmente le soluzioni arrivano piuttosto rapidamente”, ha spiegato il pilota finlandese. “Così è stato pure questa volta: nel corso dei meeting di analisi delle ultime gare sono stato felice di sapere che in Germania arriverà un miglioramento della nostra efficienza di raffreddamento. Speriamo che faccia la differenza”.

Leggi anche -> Mercedes cambia colori per festeggiare un traguardo storico (GALLERY)

A fornire ulteriori notizie in merito è stato il plenipotenziario della rivale Red Bull, Helmut Marko, che ha svelato come la Mercedes porterà a Hockenheim addirittura un telaio completamente rinnovato, già sottoposto con successo ai crash test nei giorni scorsi: “Loro soffrono solo con il caldo, e questa è la nostra speranza per Hockenheim”, ha ammesso Marko. “Ma ho sentito che la Mercedes porterà un nuovo telaio con un nuovo raffreddamento”. Resta da vedere solo se questa retromarcia tecnica in corsa avrà degli effetti negativi sull’efficienza aerodinamica della monoposto, finora risultata pressoché imbattibile.

Fabrizio Corgnati