F1 (©Getty Images)

F1 | Ferrari spende quanto Mercedes, ma non vince. Ecco il Circus in cifre

Se si guarda a questa tabella ufficiosa relativa alle spese annuali delle scuderie del Circus, diffusa da Motorsport.com, c’è poco da stare allegri. Come la Mercedes, la Ferrari è la squadra che investe di più nella massima serie, ma per qualche motivo sembra non serve a niente.

Ben 450 milioni di euro, i denari sborsati da entrambe le equipe per conquistare la cima del mondo a motore, senza contare il costo delle power unit di cui non si conosce l’entità.

A sfavore della Rossa gioca anche la somma lasciata giù dalla terza più spendacciona, ovvero la Red Bull che con 380 milioni di euro copre l’intero campionato riuscendo a sviluppare la macchina in maniera costante e con evidenti miglioramenti, a differenza del team di Maranello che aggiorna ma fa il passo del gambero.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Nettamente più indietro la Renault con 280 milioni a cui aggiungere i soldi per il motore. Staccata di poco la McLaren, ad oggi quasi di un altro mondo rispetto al periodo di Fernando Alonso quando viaggiava in fondo allo schieramento, o comunque doveva affidarsi alle magie dello spagnolo per potersi avvicinare alla top 10.

Ferma a 160 milioni di investimento la sorella minore della Red Bull, ossia la Toro Rosso, che in realtà qualche passo avanti lo ha fatto negli ultimi mesi. A pari merito in questa speciale classifica l’Alfa Romeo e la Haas con 150 milioni contro i 145 della ex Force India, ora Racing Point, protagonista sul finire dello scorso anno di un clamoroso passaggio di proprietà.

A chiudere a 120 milioni di euro la “povera” Williams, attanagliata dai problemi economici.

Tabella delle spese in F1 per il mondiale 2019

1. Mercedes 450 milioni *
2. Ferrari 450 milioni *
3. Red Bull 380 milioni
4. Renault 280 milioni *
5. McLaren 250 milioni
6. Toro Rosso 160 milioni
7. Alfa Romeo 150 milioni
8. Haas 150 milioni
9. Racing Point 145 milioni
10. Williams 120 milioni

* senza spese per la power unit

Chiara Rainis