Omicidio Loris, legale Andrea Stival: “Veronica Panarello si è macchiata di due assassinii”

0
3784
Veronica Panarello
Veronica Panarello (foto dal web)

Omicidio Loris, Veronica Panarello torna in aula per le minacce contro il suocero Andrea Stival il cui legale dice: “Si è macchiata di due assassinii”.

Veronica Panarello, condannata a 30 anni di carcere per l’omicidio del figlio Loris Andrea Stival, torna in aula per rispondere per minacce contro Andrea Stival, l’ex suocero contro il quale, mentre il giudice emetteva la sentenza di secondo grado che confermava la condanna a 30 di reclusione, gridò: “Sei contento? Sai cosa ti dico, prega Dio che ti trovo morto perché ti ammazzo con le mie mani quando esco”.

Omicidio Loris, il legale di Andrea Stival contro Veronica Panarello: “si è macchiata di due assassinii”

L’udienza è stata fissata per il 24 gennaio del 2020. Quel giorno, Veronica Panarello dovrà presentarsi davanti al giudice monocratico, a Catania, per rispondere del reato di minacce contro Andrea Stival che fu accusato dall’ex nuora di essere stato il suo amante e di aver ucciso il piccolo Loris per metterlo a tacere. Le accuse della Panarello, però, non hanno mai avuto riscontro. Le indagini, infatti, hanno dimostrato l’estraneità dell’uomo nell’omicidio del nipotino. Nonostante tutto, però, sui social, Andrea Stival continua ad essere preso di mira dagi utenti come ha spiegato il legale dell’uomo, l’avvocato Francesco Biazzo, su ‘The social post’.

Abbiamo dovuto querelare migliaia di persone che su Facebook andavano a contrastare sia Stival, ma anche le sentenze, i pubblici ministeri. Andrea Stival a livello sociale è ‘morto’ – ha concluso il legale – Veronica Panarello si è macchiata di due assassinii: uno, quello principale, è di Lorys, l’altro è quello di Stival Andrea. Molti continueranno ad additarlo in ogni caso come quello che è coinvolto nella vicenda, anche se è stato dimostrato che non è così”.

Il popolo dei social, dunque, continua a puntare il dito contro Andrea Stival. A gennaio 2020, dunque, ci sarà un nuovo capitolo di questa, triste vicenda.