Mattia Binotto (©Getty Images)

F1 | Binotto e l’annuncio eclatante: “Abbiamo capito la SF90”

Dopo la scoppola, l’ennesima per la verità, rimediata in Inghilterra, la Ferrari riparte dalla Germania più motivata che mai e rifarsi. In particolare, i riflettori saranno puntati sull’enfant du pays Vettel che, dopo l’errore commesso a Silverstone, sarà chiamato  a dimostrare di valere quei 30 milioni di euro che ogni anno arrivano sul suo conto in banca.

Il GP di Hockenheim per noi sarà prima di tutto la gara di casa di Sebastian“, ha affermato il team principal Mattia Binotto. “Per questo teniamo particolarmente a ben figurare, soprattutto dopo che dodici mesi fa ci era sfuggita l’opportunità di concludere bene un fine settimana nel quale le nostre prestazioni erano state di livello”.

Per questo round non sono previste novità particolari, ma dall’analisi dei dati raccolti nel Regno Unito abbiamo potuto capire meglio la vettura”, ha quindi proclamo il dirigente di origine elvetica regalando almeno un po’ di speranza ai fan del Cavallino.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

L’analisi di Seb e Charles

E proprio su ciò che dovremo attenderci dalla Rossa domenica prossima è intervenuto il #5.

L’obiettivo è fare meglio del 2018“, ha dichiarato il tedesco. “Per il resto il tracciato è piuttosto semplice ad una prima occhiata, ma soprattutto l’ultima parte è tanto bella quanto tecnica, in particolare il Motordrom. Anche la curva 1 è complessa perché è molto veloce e finisce prima ancora di rendersene conto. Va affrontata alla perfezione ed è importante sentirsi a proprio agio con la macchina così da iniziare ad accelerare il prima possibile e massimizzare la velocità per i settori successivi della pista“.

Nel corso degli ultimi weekend  abbiamo sempre fatto un buon lavoro in qualifica“, ha analizzato Leclerc. “Tuttavia dobbiamo focalizzarci di più sul passo gara, ad oggi nostro punto debole. Quella britannica è stata una corsa molto divertente da vivere in abitacolo.  Speriamo di poterci ripetere  e di essere in condizione di lottare per la vittoria“.

Chiara Rainis