Kimi Raikkonen (©Getty Images)

F1 | Raikkonen in Ferrari nel 2020. L’ultima indiscrezione del web

Nel paddock della massima serie a ruote scoperte si è abituati a sentire un po’ di tutto in termini di mercato piloti, ma la voce che è rimbalzata proprio dall’Italia e precisamente dal sito Circus F1 ha davvero dell’incredibile. Per quanto ci riguarda la riportiamo soltanto perché non appena ha cominciato a serpeggiare nel web è subito diventata la notizia principale della stampa finlandese. Dall’Iltasanomat, all’Iltalehti, fino all’Helsingin Sanomat.  Tutti i quotidiani più importanti del Paese nordico hanno riportato che nel 2020 Kimi Raikkonen potrebbe fare il suo ennesimo ritorno alla Ferrari.

Insomma, dopo un primo periodo durato dal 2007, anno della laurea a campione del mondo, al 2009, e un secondo dal 2014 al 2018, Iceman potrebbe tornare a vestire la tuta rossa per la terza volta.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Ovviamente il finnico andrebbe a sostituire Sebastian Vettel, ormai lontano anni luce dal pilota competitivo che il Cavallino pensava di aver preso dalla Red Bull con cui aveva dominato le stagioni dal 2010 al 2013, ma soprattutto poco affidabile e altalenante nelle prestazioni, con l’errore a portata di mano e visibilmente sotto pressione.

Come detto, però si tratta soltanto di una chiacchiera senza quel grande fondamento. In occasione del prossimo GP d’Australia Kimi avrà ben 40 anni, un’età poco compatibile con i piani di Maranello che punta ad avere qualcuno dotato di quella freschezza in più necessaria per vincere un mondiale, senza dimenticare poi che il driver di Espoo era stato molto criticato negli ultimi campionati in rosso per essere troppo poco motivato ed aggressivo in pista.

Per concludere, aspetto non secondario, crediamo che difficilmente Raikkonen si mostrerà disponibile a farsi ributtare nel calderone ad alta tensione della Ferrari, con forti aspettative e appuntamenti mediatici da lui poco amati e ora nella piccola Alfa Romeo (Sauber), ridotti soltanto ad un lontano ricordo…

Chiara Rainis