Mick Schumacher sulla monoposto del team Prema in Formula 2 (Foto Prema)
Mick Schumacher sulla monoposto del team Prema in Formula 2 (Foto Prema)

Formula 2 | Mick Schumacher delude, ma non abbandona il sogno Formula 1

Non è certo andato come si aspettava il debutto in Formula 2 per Mick Schumacher. Quello che doveva rappresentare l’ultimo gradino nella scalata verso la Formula 1 del figlio d’arte, accompagnata da un comprensibile interesse mediatico e di pubblico, si sta invece trasformando in un calvario: la sua prima stagione nella categoria cadetta, infatti, lo vede attualmente languire soltanto in quattordicesima posizione in classifica generale, senza nemmeno un arrivo a podio al suo attivo.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

L’umore non può dunque essere dei migliori, ma non per questo motivo l’erede del mitico Michael Schumacher intende lasciarsi scoraggiare. Anzi, il 20enne tedesco sembra prenderla con filosofia, consapevole che momenti difficili come questi fanno parte integrante e inevitabile della crescita di qualsiasi grande pilota. “Non è cascato il mondo”, ha ridimensionato Schumacher Jr ai microfoni dell’agenzia di stampa Dpa, che lo interrogava a proposito di questo suo deludente esordio in F2. “Ovviamente non è stato facile e, ultimamente, ho incontrato un po’ di sfortuna, ma è dai momenti più difficili che si impara di più. Tutti quanti devono affrontare dei tempi duri, ma io faccio un passo alla volta”.

Mick Schumacher guarda al futuro

Mick, insomma, cerca di vedere il lato positivo anche da questa situazione: “Penso che siamo sulla strada giusta”, insiste. “Abbiamo dimostrato di avere la velocità e il potenziale per stare là davanti. Mi trovo sempre più a mio agio in questo ambiente e spero che presto arriverà il mio momento per essere promosso in Formula 1”. Il sogno del giovane Schumacher, dunque, rimane sempre lo stesso: “Quando avrò l’opportunità di salire di categoria è difficile dirlo, perché ci vorrà anche un po’ di fortuna per beccare un sedile libero. Ma nel frattempo continuo ad andare avanti e a tenere le dita incrociate”.