Bambino
(Getty Images)

Una donna del Galles ha rivissuto i drammatici momenti dell’omicidio del figlio, un bambino di soli 2 mesi, ucciso dall’ex compagno che lo utilizzò come un bastone per picchiarla.

Una drammatica storia quella vissuta da una madre del Galles che si è vista uccidere il figlio davanti i propri occhi dal suo ex compagno. La donna ha rivissuto quei momenti terribili raccontando l’accaduto alla redazione di Wales Online. Samantha George ha spiegato che nel novembre 1999 il suo ex partner entrò in casa completamente ubriaco e si scagliò contro la donna afferrando il bambino di otto settimane e utilizzandolo come un bastone per picchiarla.

Uccide il figlio utilizzandolo come un bastone per picchiare la moglie: l’uomo usufruirà della libertà vigilata

Samantha George, una mamma 42enne del Galles ha voluto raccontare la sua tragica storia alla redazione del portale britannico Wales Online. La donna ha spiegato che il suo ex compagno, Christopher Rees, uccise suo figlio di soli 2 mesi utilizzandolo come un bastone per picchiarla. La tragedia si è consumata nel novembre del 1999 quando Christopher raggiunse la donna presso la sua abitazione a Merthyr, nel Galles del Sud, e completamente ubriaco provò ad aggredirla. Rees, come raccontato da Samantha, afferrò per le gambe il piccolo Bradley e utilizzandolo come se fosse un bastone iniziò a picchiarla, poi ha sbattuto violentemente il neonato contro il muro ed infine si è scagliato contro l’altro figlio della donna di cinque anni colpendolo con un ferro da stiro. La furia dell’uomo, stando al racconto di Samantha, non si è placata nemmeno all’arrivo delle forze dell’ordine le quali hanno dovuto utilizzare il gas per fermarlo. Il piccolo Bradley, secondo quanto riportato da Wales Online, morì poco dopo la brutale aggressione, mentre il fratellino, ora 25enne e la madre vennero portati in ospedale in gravi condizioni. Rees venne condannato all’ergastolo, ma la sua pena venne ridotta a 18 anni di reclusione ed in questi giorni Samantha ha ricevuto la notizia che l’uomo a breve usufruirà della libertà vigilata: “Ho ricevuto una lettera riguardante la libertà vigilata la quale affermava che Rees ‘ha compiuto buoni progressi’, sono rimasto scioccata: se hai fatto una cosa del genere, come puoi cambiare?

Leggi anche —> Incidente Jesolo, foto davanti all’epigrafe di una delle vittime: “Ho la vita rovinata”