Ilaria Occhini (foto dal web)

Si è spenta all’età di 85 anni l’attrice televisiva e cinematografica, nonché grande interprete di teatro, Ilaria Occhini. Nel corso della sua carriera aveva recitato in molti film ricevendo diversi riconoscimenti.

Lutto nel mondo dello spettacolo che piange la scomparsa dell’attrice Ilaria Occhini all’età di 85 anni. La famosa interprete durante la sua carriera ha recitato in oltre 20 pellicole cinematografiche e numerose film e serie tv, riuscendo anche a conquistare il David di Donatello per Mine vaganti di Ferzan Ozpetek. La Occhini è stata anche una grande attrice di teatro, dove debuttò nel 1957 con l’opera L’impresario delle Smirne di Carlo Goldoni. L’attrice era legata da oltre mezzo secolo allo scrittore Raffaele La Capria, conosciuto nel 1961 e sposato nel 1966.

Mondo del cinema e del teatro in lutto: è morta la nota attrice Ilaria Occhini

È morta l’attrice cinematografica e di teatro Ilaria Occhini all’età di 85 anni. Ilaria era nata a Firenze nel 1934 in una famiglia colta e benestante, essendo figlia dello scrittore Barna Occhini, nipote per parte materna dello scrittore Giovanni Papini, il quale le dedicò un breve racconto dal titolo La mia Ilaria, e per parte paterna del senatore del Regno d’Italia Pier Ludovico Occhini. La carriera dell’attrice iniziò all’età di 19 anni, nel 1954 con lo pseudonimo di Isabella Redi nel film Terza liceo di Luciano Emmer. Dopo essersi diplomata all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” a Roma, negli anni ’50 prese parte a numerose pellicole cinematografiche e televisive, tra cui Il medico e lo stregone di Mario Monicelli, debuttando negli stessi anni anche in teatro con l’opera L’impresario delle Smirne di Carlo Goldoni. Nell’arco della sua carriera l’interprete ha recitato anche in numerosi film sceneggiati televisivi tra gli anni ’60 e ’80. Nel 1992, la Occhini ricevette il Nastro d’argento alla migliore attrice non protagonista, per il film Benvenuti in casa Gori di Alessandro Benvenuti. Nel 2010 conquistò il Nastro d’argento alla carriera ed il David di Donatello come migliore attrice non protagonista per Mine vaganti di Ferzan Ozpetek, dove interpretava la nonna diabetica di uno dei protagonisti Riccardo Scamarcio. Per Mine Vaganti ricevette anche il premio Alida Valli per la migliore attrice non protagonista al Bari International Film Festival 2011. Negli anni ’80 l’attrice intraprese anche la carriera politica schierandosi con i Radicali e candidandosi alle politiche del 1987 ed alle europee del 2004. Nel 2008 aderì aderito alla lista Pro Life di Giuliano Ferrara, candidandosi nel collegio del Lazio. Da oltre mezzo secolo era legata allo scrittore allo scrittore Raffaele La Capria, che aveva conosciuto nel 1961 e sposato nel 1966. Dalla loro unione è nata la figlia Alexandra La Capria, attrice e sceneggiatrice sposata con Francesco Venditti, il figlio del noto cantautore e di Simona Izzo, che insieme ai genitori si occupa della gestione dei vigneti di famiglia sulle colline nei pressi di Arezzo.

Leggi anche —> Intervento di chirurgia estetica: muore giovane madre