Marc Marquez con la tuta Ducati (Fotomontaggio TuttoMotoriWeb.com)
Marc Marquez con la tuta Ducati (Fotomontaggio TuttoMotoriWeb.com)

MotoGP | Ducati apre il mercato piloti 2021: obiettivo Marc Marquez, ma non solo

Tutti gli uomini della Ducati si stanno godendo, in queste settimane, le meritate ferie estive: consapevoli, però, che al rientro dalla pausa li attenderà un crocevia fondamentale. Per il presente, quanto per il futuro. Il presente è la rincorsa a perdifiato al campionato del mondo di MotoGP 2019: una rincorsa tutta in salita, visto che Marc Marquez può difendere un vantaggio di ben 58 punti al giro di boa stagionale.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Un’impresa complicatissima, ma non per questo impossibile: vale la pena ricordare, infatti, che l’anno passato la Rossa di Borgo Panigale, nella seconda metà del calendario, infilò ben quattro vittorie e nove podi (contro i tre successi e i sette podi di Marquez). Sono in arrivo piste sulla carta favorevoli alla Desmosedici, come Brno (dove nel 2018 Dovizioso e Lorenzo fecero doppietta), il veloce Red Bull Ring e la tappa di casa a Misano. Per sfruttarle, però sia Andrea Dovizioso che Danilo Petrucci saranno chiamati a dare il massimo, a realizzare prestazioni impeccabili e soprattutto ad evitare il benché minimo errore.

Dovizioso e Petrucci non hanno il posto sicuro

Perché, se non sarà così, la posta in palio va ben oltre l’ennesimo titolo mondiale mancato. E qui apriamo la pagina del futuro. Già, perché se per il 2020 la coppia di centauri italiani è stata riconfermata (con il recente rinnovo del contratto di Petrux, l’unico in scadenza), per la stagione successiva si aprono scenari di mercato ben diversi. Tutti i piloti, anche quelli di più alto profilo, saranno liberi e disponibili, e se il recente passato ci insegna qualcosa, pur di accaparrarsi le pedine più pregiate i top team inizieranno le trattative molto presto, già dai prossimi mesi.

Proprio per questo motivo, in chiave 2020, sia Dovizioso che Petrucci hanno una posizione quantomeno in bilico. I piani alti della Ducati continuano, a torto o a ragione, di essere convinti che la loro moto sia in realtà molto più competitiva di quanto i loro piloti abbiano avuto modo di dimostrare finora. In altre parole, non hanno abbandonato la volontà di portare a Bologna un autentico fuoriclasse, un po’ come fecero già (senza troppe fortune) prima con Valentino Rossi e poi con Jorge Lorenzo.

Il libro dei sogni della Ducati

Oggi il sogno proibito in questione ha un altro nome, ed è inutile girarci troppo intorno: è quello di Marc Marquez. Recentemente lo ha ammesso lo stesso direttore sportivo Paolo Ciabatti: “Tutte le squadre vorrebbero vedere cosa potrebbe fare Marquez in sella alla propria moto”. E la Ducati non fa certo eccezione, anzi. La strada che porta al Cabroncito è irta di ostacoli, ma la Rossa non sembra lasciarsi scoraggiare, sapendo bene che il sette volte iridato è il pilota che più di tutti è in grado di spostare gli equilibri di questo Motomondiale.

In alternativa, il piano B si chiama Fabio Quartararo: un giovane talento che, di questi tempi, fa gola a molti, ma che la Yamaha non ha nessuna intenzione di farsi scappare. La terza e ultima possibilità è quella di un ritorno di fiamma con Jorge Lorenzo, che ha già sondato le ipotesi di un bis per il 2019, ma che in chiave 2020 potrebbe anche avere più fortuna. I potenziali candidati, insomma, non mancano, e ciascuno di loro potrebbe soffiare il posto a uno tra Dovizioso e Petrucci, oppure a entrambi. A meno che il rinnovo per loro non arrivi davvero, ma in ogni caso a fronte di un sostanzioso taglio di stipendio. Sempre che al rientro dalle ferie della MotoGP non siano in grado di imporre un vero cambio di passo ai propri risultati: allora sì che tutte queste ipotesi di fantamercato verrebbero improvvisamente ribaltate…

Fabrizio Corgnati