Bradley Smith
Getty Images

MotoGP, Bradley Smith: “Nessuno meglio di KTM”

Bradley Smith è al primo anno nelle vesti di collaudatore, dopo essere passato da KTM ad Aprilia. Il britannico conosce molto bene le dinamiche della casa di Mattighofen, i pregi e i difetti, la superiorità nel ritmo di sviluppo.

Quando si tratta di accelerare il ritmo in MotoGP, KTM è in prima linea. Quando il pilota Aprilia Aleix Espargaró si è lamentato della velocità della produzione italiana e ha fatto riferimento alle molte nuove parti che suo fratello Pol ha ottenuto a KTM, è normale per il collaudatore Bradley Smith. Il britannico, che ha servito gli austriaci per due anni, sa esattamente perché sono avanti in termini di sviluppo. “Non bisogna dimenticare che KTM può fare tutto nella propria fabbrica, WP è esattamente sulla strada difronte e il capo possiede entrambe le società. Può fermare la produzione per assicurarsi che un telaio sia pronto in tempo per il prossimo fine settimana di gara”, ha dichiarato Bradley Smith a Crash.net.

“Nessuno ha quel ritmo di sviluppo”, sottolinea il collaudatore britannico, affermando con orgoglio: “Penso davvero che Aprilia sia al secondo posto, poco prima di Ducati, ed ha un passo in più per seguire i giapponesi e tutti gli altri. Quindi sono contento del ritmo con cui Aprilia porta nuove cose sulle piste. KTM è a un livello diverso a questo riguardo, anche sul budget”.

Ciononostante, il ventottenne di Oxford comprende le lamentele del più anziano dei due fratelli Espargaró: “Posso capire la frustrazione di Aleix e puoi credere che non lascio nulla di intentato per guidare tutto nella giusta direzione”. Allo stesso tempo spiega: “Ma siamo anche molto scrupolosi, dopo aver avuto così tante difficoltà con la moto l’anno scorso. Vogliamo fare tutto bene e non affrettare le cose. Sono anche molto fiducioso che Aleix riceverà alcuni aggiornamenti al più presto”.