Veronica Panarello
Veronica Panarello (foto dal web)

Veronica Panarello, condannata in primo ed in secondo grado per l’omicidio del figlio Loris, dovrà rispondere delle minacce rivolte al suocero in aula dopo la lettura della sentenza d’appello.

La Procura della Repubblica di Catania ha disposto la citazione a giudizio di Veronica Panarello, la donna condannata in primo ed in secondo grado a 30 anni di reclusione per l’omicidio del figlio Loris. La Panarello dovrà rispondere adesso per le minacce ai danni del suocero Andrea Stival dopo la lettura della sentenza d’Appello nel luglio del 2018. La donna, dopo essere stata condannata in secondo grado, urlò in aula contro il suocero minacciandolo di morte.

Omicidio Loris Stival, la Panarello a processo per le minacce contro il suocero dopo la lettura della sentenza

Veronica Panarello, la madre condannata in appello a 30 anni di reclusione per l’omicidio del figlio Loris, commesso il 29 novembre 2014 a Santa Croce Camerina, comune in provincia di Ragusa, sarà imputata in un nuovo processo a suo carico. La Procura della Repubblica di Catania ha, difatti, disposto la citazione a giudizio per la donna, attualmente detenuta nel carcere di Torino, per le minacce ai danni del suocero, Andrea Stival. La Panarello, dopo la lettura della sentenza dei giudici della Corte d’assise d’appello di Catania, si rivolse verso il suocero, mentre veniva portata fuori dall’aula dalla polizia penitenziaria, urlando: “Sei contento? Sai cosa ti dico, prega Dio che ti trovo morto perché altrimenti ti ammazzo con le mie mani quando esco“. In seguito alle minacce, come riporta la redazione del quotidiano La Sicilia, Andrea Stival aveva denunciato la nuora assistito dall’avvocato Francesco Biazzo. Il processo per questa accusa comincerà il prossimo 24 gennaio davanti al Tribunale monocratico. La donna è stata anche rinviata a giudizio per calunnia avendo dichiarato agli inquirenti che ad uccidere Loris era stato il suocero, il quale avrebbe agito poiché Loris avrebbe scoperto una presunta relazione extraconiugale tra i due. Per questa accusa il processo si terrà a Ragusa il 26 novembre di quest’anno, 5 giorni più tardi rispetto all’udienza in Corte di Cassazione che dovrà esprimersi sull’omicidio di Loris, per il quale la Panarello è stata condannata a 30 anni di reclusione in primo ed in secondo grado.

Leggi anche —> Antonio Ciontoli ancora nei guai: convocato per un altro presunto reato