Gigi Dall’Igna (Getty Images)

MotoGP, Gigi Dall’Igna: “I nostri obiettivi sono possibili”

Il punto debole della Ducati Desmosedici GP  è la percorrenza a centro curva. Gigi Dall’Igna, General Manager di Ducati Corse, conosce bene il problema e da tempo sta studiando il modo per colmare la lacuna senza perdere in altre aree. Ma l’ingegnere veneto è sicuro che prima o poi troverà una soluzione.

Ducati ha festeggiato 13 vittorie nel GP nel 2017 e nel 2018, e Andrea Dovizioso ha ottenuto il secondo posto nel campionato dietro a Marc Márquez per due volte di seguito. Quest’anno il compito è diventato più difficile, e non perché la GP19 ha perso la sua forza. Piuttosto, Suzuki e Yamaha hanno fatto progressi, mentre la Rossa di Borgo Panigale sembra non essere riuscita a fare decisivi passi avanti nel corso della stagione.

Dall’Igna & Co. lavorano sul telaio della Ducati

Questo rende gli ingegneri della Ducati ancora più impegnativi sul più grande punto debole della moto: girare a metà curva. È un problema che da anni infastidisce i rossi, ma Gigi Dall’Igna è sicuro che ci sia una soluzione. Il direttore generale di Ducati Corse ha rivelato ad Assen che l’attenzione è puntata sulla rigidità del telaio. “Devi fare del tuo meglio per cercare di risolvere il problema del pilota nel miglior modo possibile senza sacrificarlo in altre aree. Certo, a volte ciò è impossibile e devi trovare un compromesso tra ciò che vuoi e ciò che puoi avere. Ma non penso che i nostri obiettivi siano impossibili”, ha spiegato Dall’Igna.

Occorre tempo e lavoro per fare ulteriori progressi, ma i tecnici italiani si dicono certi di poter fare l’atteso step. “Negli ultimi anni, non solo siamo stati in grado di migliorare l’accelerazione, ma abbiamo anche fatto progressi in velocità in curva. Per migliorare la moto hai bisogno di idee. E voglio migliorare la moto nella zona che dà ai piloti la più grande preoccupazione”, ha concluso Gigi Dall’Igna.