Bollo auto

Il vicepremier Di Maio: “Aboliremo il bollo auto entro fine anno”

Il ministro dello Sviluppo economico e vicepremier, Luigi Di Maio, ha annunciato a Uno Mattina che a fine anno verrà cancellato il bollo auto, grazie al calo dello spread. “Entro fine anno si potrebbe cominciare a eliminare una tassa odiosa come il bollo auto. Voglio trovare i soldi per permettere ai cittadini che acquistano un’ auto per la famiglia di pagare meno tasse. Il nostro obiettivo è fare in modo che entro fine anno ci sia una consistente riduzione o l’ abolizione del bollo”.

“Questi sono giorni in cui si inizia a scrivere la legge di bilancio. Entro fine dell’anno si dovranno fare cose inderogabili: abbassare il costo del lavoro, il cosiddetto cuneo fiscale. E si potrebbe iniziare a eliminare il bollo auto o a una sua consistente riduzione”, ha spiegato Di Maio.

Subito dopo le parole del vicepremier pentastellato non sono mancate le polemiche. Ad attaccare il leader grillino è stata in primis Forza Italia. “Ieri Di Maio sui social scriveva che Berlusconi rappresenta il peggio del nostro Paese. Oggi, però, non si fa scrupoli a rubargli la proposta dell’abolizione del bollo auto, contenuta nel programma elettorale di Forza Italia e del centrodestra. Alla fine, per realizzare qualcosa di buono, ai grillini non resta altro che tentare di copiare maldestramente le idee del presidente Berlusconi”, ha affermato deputata azzurra Elvira Savino.

Ma c’è già chi prova a fare due conti e ritiene improbabile l’idea di abolire il bollo auto. Infatti la tassa eroga nelle casse regionali oltre 6 miliardi di euro l’anno, di cui uno va alla sola Lombardia. Infatti senza gli introiti della tassa di circolazione le regioni con ogni probabilità saranno costrette ad attingere ad altre e nuove tasse o a ricorrere a tagli alla spesa per far quadrare i conti”.