(©Getty Images)

F1 | Grande novità nel Circus! Dal 2021 ci sarà un importante ritorno

Stanno cominciando ad emergere le prime indiscrezioni su come saranno le monoposto di F1 che vedremo in azione a partire dal 2021. A quanto la FIA starebbe progettando un ritorno alle origini. In soldoni, via tutti i dispositivi che hanno arricchito le vetture negli ultimi anni, dai deviatori di flussi, al bargeboard, ai turning vanes per finire alle ali anteriori super elaborate.

Sempre secondo le voci diffuse in particolare da Motorsport.com, nella zona inferiore delle auto alloggeranno dei tubi Venturi con l’obiettivo di alimentare un diffusore posteriore più ampio rispetto a quello in uso attualmente, così da produrre una maggiore spinta verticale, sulla scia di quanto succedeva negli anni ’80.

Vogliamo macchine in grado di darsi battaglia seguendosi in scia, in modo da regalare gare più emozionanti”, ha spiegato il responsabile tecnico federale Nikolas Tombazis.  “Contiamo inoltre di disporre di pneumatici che permettano ai piloti di lottare senza che si degradino”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Le vetture 2021 saranno più semplici di quelle in uso“,  ha proseguito l’ingegnere greco. “Molte parti aerodinamiche montate nella zona delle pance saranno rimosse e l’ala davanti ulteriormente semplificata”.

Due vortici potenti creati dall’ala posteriore ripuliranno la scia della macchina, quindi, chi si troverà a seguire lo farà in un flusso molto più pulito e avrà meno difficoltà a restare vicino all’avversario“, ha infine precisato.

Perché questo cambio di direzione – Un maggiore effetto suolo e una minor incidenza dell’aerodinamica dovrebbero garantire più chance di confronto ravvicinato tra le diverse auto e dunque un po’ più spettacolo. Dati dati infatti risulta chiaro come le F1 di oggi perdano fino al 45% del carico quando si trovano in prossimità da quella che precede. Al contrario seguendo le nuove ipotetiche regole del 2021, questo deficit compreso tra il 5-10%, almeno questo è ciò che è emerso dalle simulazioni.

Chiara Rainis