Rissa nel paddock. Pilota denunciato perché recidivo

0
558

 

Rissa Monza 2018 (© Touring Car Times Twitter)

TCR |Rissa nel paddock. Pilota denunciato perché recidivo

Era già accaduto in passato e domenica scorsa l’episodio si è ripetuto. Dušan Borković, pilota attivo nel campionato europeo dedicato alla vetture turismo, si è fatto prendere dalla rabbia e non è più riuscito a controllarsi.

L’incidente in pista – Il fattaccio avvenuto in pit lane ha ovviamente un motivo scatenante. Nel corso di Gara 2 il serbo della Target Competition è stato “buttato” fuori a poche tornate dalla bandiera a scacchi dalla Hyundai i30 di Nelson Panciatici con cui era entrato in collisione alla curva 4. Uno scontro al limite che ha mandato su tutte le furie il 35enne.

La rissa – Non appena sventolata la bandiera a scacchi, lo spilungone è stato visto correre nel paddock del Red Bull Ring diretto verso il parco chiuso. Qui dopo aver spintonato una marshal avrebbe con forza aperto la portiera di una Hyundai pensando, erroneamente, che si trattasse di quella del francese per risolvere con le mani la questione.

Trattandosi di una recidiva che arriva dopo lo scontro occorso a Monza lo scorso anno quando colpi con un pugno un membro del team PCR Sport, Borkovic è stato punito con l’esclusione dall’evento e l’obbligo a presentarsi davanti alla  FPAK (Federação Portuguesa de Automobilismo e Karting), ovvero l’ente che si occupa di regolamentare la serie.

Il concorrente ha avuto un comportamento inammissibile, spingendo una donna contro una macchina e provando ad aprire la porta anteriore sinistra per raggiungere quello dell’auto #25. E’ la seconda volta che questo pilota tiene un atteggiamento antisportivo e una condotta scorretta“, si legge sulla nota ufficiale dei commissari.

Di conseguenza, verrà denunciato alle autorità sportive che si occupano della gestione della categoria e alla FIA per ulteriori provvedimenti“, la precisazione conclusiva.

Dal canto suo la scuderia di Panciatici ha fatto sapere che valuterà possibili azioni legati.

Chiara Rainis