Toni Elias MotoAmerica Superbike
Toni Elias (Getty Images)

Dopo i tanti anni trascorsi tra 125, 250, Moto2, MotoGP e la breve esperienza nel Mondiale Superbike, Toni Elias si è rilanciato con successo nel campionato MotoAmerica Superbike. Quello che fino al 2014 era noto come AMA Superbike Championship, la competizione americana per le moto derivate di serie.

Il 36enne pilota spagnolo corre dal 2016 nel team Yoshimura Suzuki. Terza posizione in classifica nel suo primo anno di corse negli Stati Uniti, poi il titolo nel 2017. Nel 2018 avrebbe potuto fare il bis, ma qualche errore di troppo ha finito per avvantaggiare nuovamente Cameron Beaubier (Yamaha). Quest’anno Elias è in testa alla classifica e sta duellando sempre con il 26enne californiano per il titolo.

Nell’ultimo weekend il campionato MotoAmerica ha corso a Laguna Seca, dove è andato di scena anche il campionato mondiale Superbike. Il pilota del team Yoshimura Suzuki ha vinto Gara 1 e poi ha chiuso secondo Gara 2 dietro a Garret Gerloff (compagno di squadra di Beaubier). Ha allungato a +39 sul suo rivale e può essere felice dei risultati conquistati.

Elias al termine della prima manche vinta si è lasciato anche andare ad una esultanza particolare. Durante il giro di festeggiamento si è fermato dove c’è il celebre “Cavatappi”, ha steso la sua Suzuki GSX-R1000 e poi ci si è buttato sopra abbracciandola. Un gesto per ringraziare la propria moto dopo aver vinto una battaglia infuocata con Beaubier e Gerloff. Di seguito il video pubblicato sui profili ufficiali Twitter e Instagram del campionato MotoAmerica.

Matteo Bellan