Duello al limite tra Leclerc e Verstappen? Ecco il pensiero di Wolff

0
1289
Toto Wolff (©Getty Images)

F1 | Duello al limite tra Leclerc e Verstappen? Ecco il pensiero di Wolff

Dopo la clamorosa punizione di 5″ che ha privato Sebastian Vettel della prima vittoria stagionale in Canada, i commissari della F1 hanno invertito la tendenza e coperto gli occhi davanti a qualsiasi manovra un po’ al limite.

L’esito di questo cambiamento radicale di atteggiamento lo si è visto bene in occasione del GP dell’Austria, ma anche a Silverstone, la scorsa domenica, quando nonostante qualche mossa garibaldina, i marshal hanno lasciato correre.

Solidale con questa nuova direzione intrapresa dal Circus si è professato il boss della Mercedes Toto Wolff, che ha ammesso di aver goduto vedendo tanti ruota a ruota.

I piloti sanno come gareggiare l’uno contro l’altro“, ha cominciato parlando a Motorsport.com a proposito del duello avvenuto al primo giro proprio tra i suoi due piloti Hamilton e Bottas. “E’ stato divertente. Non hanno fatto alcuna manovra scorretta o sporca, pur difendendosi in maniera dura“.

Da fan del motorsport il dirigente austriaco ha elogiato l’azione senza freno a mano tirato che ha regalato in alcuni fasi il round inglese di un mondiale 2019 perlopiù noioso e scontato.

Per quanto riguarda le altre battaglie a cui abbiamo assistito, alcune di essere sono state un po’ borderline e condite con mosse un sporche. Qualcosa di in fine dei conti positivo. Si vorrebbe sempre vedere dei confronti un po’ ruvidi. Nelle corse è un bene quando due driver lottano tra di loro. Meno lo è se si è della stessa squadra“, ha proseguito.

Rafforzando il suo concetto, il 47enne si è espresso sulle sane ruotate che si sono dati Charles Leclerc e Max Verstappen. “Il metro di giudizio dei commissari è stato lo stesso dell’Austria ed è giusto così. Spingere fuori dalla pista qualcuno mentre esce dalla curva non è scorretto. Penso che sia consentito nella maggior parte delle altre formule, ed è ciò che desideriamo vedere“, ha quindi chiosato.

Chiara Rainis