Paolo Ciabatti
Paolo Ciabatti (Getty Images)

Superbike | Ciabatti: “Rea disse cose vergognose. Ecco cosa faremo con Bautista”

La Ducati sta vivendo un momento decisamente brutto della propria stagione. In SBK le cadute di Bautista hanno minato pesantemente le speranze di vincere il Mondiale per la Rossa, mentre in MotoGP un pesante progresso da parte della concorrenza ha portato Dovizioso e la sua Desmosedici ad allontanarsi da Marquez.

Come riportato da “Moto.it”, Paolo Ciabatti ha così chiarito l’attuale situazione in SBK: “Non ci spieghiamo tutte queste cadute, sono avvenute in modo strano ed improvviso. Sia a Jerez che a Misano Alvaro non era sotto pressione. Non credo che la trattativa per il rinnovo abbia influito sulla questione. Non l’ho mai sentito nervoso, stiamo parlando con tranquillità con il suo manager”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

L’obiettivo all’inizio non era il Mondiale

Il direttore sportivo della Ducati ha poi proseguito: “Questa situazione di classifica non cambierà assolutamente nulla nella trattativa per il suo rinnovo. Noi vogliamo continuare con Alvaro e pensiamo che anche lui voglia continuare con noi. Anche noi siamo rimasti stupiti da quei risultati ottenuti all’inizio. Sono sempre stato disaccordo con chi affermava che la nostra moto fosse una MotoGP. Rea fece delle dichiarazioni vergognose sulla nostra moto dicendo che avevamo schierato un mezzo con prestazioni esageratamente superiore a tutti gli altri. I primi risultati sono stati favorevoli, ma la verità è che la nostra moto era ancora acerba”.

Infine Paolo Ciabatti ha così concluso: “Onestamente il nostro obiettivo ad inizio anno non era vincere il Mondiale, avevamo una moto nuova e un nuovo pilota. Naturalmente per come erano andate le prime gare sarei un bugiardo se dicessi che non stavamo pensando al campionato. Ora dobbiamo valutare un po’ di cose. Non dobbiamo darci per vinti e continuare a lottare poi i conti si faranno alla fine”.

Antonio Russo