Haas (©Getty Images)

F1 | Rabbia dopo il GP di Silverstone: “Gli ho detto di tacere”

Ormai non passa gara che i piloti della Haas non si trovino in mezzo al caos. Che sia per incidenti clamorosi, per ruotate oltre il limiti o per problemi tecnici, Romain Grosjean e Kevin Magnussen sono sempre in mezzo, ma quanto accaduto a Silverstone ha davvero mandato su tutte le furie il sempre giustificativo boss Gunther Steiner.

I due piloti del team americano se le sono date di santa ragione sin dallo spegnimento del semaforo, buttandosi fuori nelle spazio di poche curve. Un atteggiamento in un certo senso egoista che il dirigente meranese non ha accettato.

Sono entrambi nei guai perché quello che è successo è inaccettabile“, ha affermato tra l’adirato e il minaccioso al termine della corsa. “Ero stato molto chiaro con loro dopo l’incidente di Barcellona. Ci troviamo in una situazione già abbastanza complessa e qui avevamo la chance di fare bene perché la macchina nei long run aveva risposto a dovere ed invece al primo giro dopo cinque curve entrano in collisione”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Quando sono rientrati al box gli ho detto di non parlare. Spiegare qualcosa del genere, non necessita di tanto tempo. Tutti in squadra si stanno dando un gran da fare per uscire dalla fossa in cui siamo. In Inghilterra gli è stata data una monoposto capace di andare  punti e loro che fanno? Non ho bisogno di sentire nessuna giustificazione“, ha proseguito con i nervi a fior di pelle.

Interrogato su possibili soluzioni per tenere i due ragazzi terribili divisi e lontani dai guai, il 54enne ha rivelato: “Non ne ho. Ci dormirò su e dopo essermi calmato proverò a capire cosa fare. Trovare i rimedi fa parte del mio lavoro. Ognuno di noi lavora sodo. Io il doppio degli altri, ma occorre andare nella stessa direzione“, ha poi concluso.

Chiara Rainis