(foto dal web)

Le commoventi parole del padre di Alessio D’Antonio, uno dei due cuginetti investiti da un suv, durante i funerali del piccolo di soli 11 anni.

Ieri si sono svolti i funerali di Alessio D’Antonio, il bambino di 11 anni morto dopo essere stato travolto da un Suv guidato da un pregiudicato ubriaco e drogato, giovedì scorso a Vittoria (Ragusa). Durante le esequie, in cui il padre della vittima ha espresso il proprio dolore per quanto accaduto, è arrivata la tragica notizia della morte del cugino della vittima, Simone, anch’egli investito dal Suv.

Cuginetti investiti dal Suv, il padre di Alessio: “Chiedo giustizia”

Voglio dire solo una cosa a tutta l’Italia: chiedo giustizia, chiedo giustizia per mio figlio. Spero che quanto successo possa far cambiare qualcosa, perché la nostra famiglia è stata distrutta. Alessio era tutta la nostra vita. Questo dolore non possiamo dimenticarlo, noi per questo dolore lasceremo la casa perché non ce la facciamo“. Queste sono le parole, seguite da un lungo applauso da parte dei presenti, del padre di Alessio D’Antonio, il ragazzino di 11 anni travolto ed ucciso da un Suv giovedì scorso a Vittoria, in provincia di Ragusa, durante il funerale svoltosi ieri nella Basilica di San Giovanni Battista davanti ad una chiesa affollata da moltissime persone che hanno voluto rendere omaggio al bambino. Durante le esequie, è stata resa nota la triste notizia della morte dell’altro cuginetto investito, deceduto al Policlinico di Messina dopo tre giorni di agonia. Nei giorni scorsi la madre aveva raccontato un dettaglio terribile di quella maledetta sera: “Dopo l’incidente– riporta la redazione de Il Messaggero- e vedendo mio figlio steso a terra sul marciapiede, cercavo un telefonino per chiamare il 118, l’ho strappato dalle mani di un uomo che non conoscevo, era l’assassino di mio figlio, ma io non lo sapevo“. Il responsabile del drammatico, Rosario Greco pregiudicato 37enne che era alla guida del Suv ubriaco e drogato, è attualmente in carcere con l’accusa di duplice omicidio stradale, omissione di soccorso e guida in stato di ebbrezza e sotto gli effetti di sostanze stupefacenti.

Leggi anche —> Cuginetti travolti da un suv: arriva un’altra tragica notizia