Scottature solari: per evitarle non consumare questi cibi

tumore cibo
foto dal web

In pochi sanno che tra le regole d’oro per evitare le scottature derivanti dai raggi solari bisognerebbe evitare il consumo di alcuni cibi: ecco quali.

Applicare la crema solare, evitare l’esposizione ai raggi solari nelle ore più calde della giornata ed indossare gli occhiali, queste le regole base per evitare le scottature; in pochi, tuttavia, sanno che alcuni cibi potrebbero aumentare il rischio di bruciature, in quanto contenenti una particolare sostanza che sensibilizzerebbe eccessivamente la pelle.

Leggi anche —> Blackout paralizza intera città: è panico

Scottature solari: ecco i cibi da evitare

La pelle va protetta, ed il modo migliore per farlo di certo resta quello di seguire delle semplici linee guida: applicare la crema, bere molta acqua, evitare l’esposizione ai raggi solari nelle ore più calde. Ci sarebbe, però, un nuovo precetto: evitare alcuni cibi contenenti al loro interno una sostanza chimica naturale chiamata furanocumarina e che, se ingeriti, farebbero diventare la pelle più sensibile ai raggi nocivi del sole, come riporta la redazione Ansa. Questi alimenti sarebbero, nello specifico, sedano, lime, carote ed aneto.

A fornire questa importante e sconvolgente notizia è stato Robert Gniadecki, noto dermatologo dell’Università di Alberta, in Canada. Lo studioso avrebbe rilevato che in molti si addormentano sotto il sole  dopo aver bevuto qualche bicchiere di troppo, e questo non sarebbe per nulla salutare. Il succo di lime contenuto nella stragrande maggioranza dei cocktail, come ad esempio nel Margarita, potrebbe venire a contatto con la pelle causando una fitofotodermatite, scherzosamente definita appunto scottatura da Margarita. Questo perché il lime, riporta l’Ansa, contiene una sostanza la cui interazione con i raggi solari causerebbe una reazione deleteria. Robert Gniadecki ha poi sottolineato l’importanza di prestare massima attenzione ai cambiamenti climatici ed alla luce ultravioletta: la sabbia, infatti, riflette il 15-20% in più di raggi UV rispetto all’erba ed alla neve. Ha rammentato, infine, che è necessario sempre applicare una sufficiente quantità di crema solare e di evitare, in caso di scottature, rimedi casalinghi come yogurt o limone che potrebbero addirittura peggiorare ulteriormente la situazione.

Leggi anche —> Paurosa tromba d’aria in spiaggia: panico e feriti – VIDEO