Charles Leclerc (Getty Images)

F1 | Leclerc dà spettacolo a Silverstone: “Grande il duello con Verstappen”

Diciamoci la verità. Se non ci fosse stato Charles Leclerc anche il GP di Silverstone sarebbe stata una noia mortale. Come già si era capito dalla prima giornata di libere le Mercedes avevano un altro passo e il fatto che Lewis Hamilton abbia dato 24″ al suo compagno di squadra Valtteri Bottas, scattato dalla pole, è il riassunto perfetto di ciò che è la F1 ora.

In ogni caso, ciò che ha stupito è che nonostante abbia dato vita a sportellate da altri tempi, con sorpassi e contro sorpassi dall’esito incerto, il monegasco della Ferrari alla fine della corsa non se lo è filato nessuno.

Insomma, se fosse arrivato ultimo avrebbe forse dovuto rispondere a più domande. Una situazione quasi imbarazzante per lui che probabilmente convinto di essere stato la star del giorno, è stato costretto ad abbozzare con un sorrisino ogniqualvolta gli interrogativi erano posti al vincitore.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Sono molto contento della battaglia con Max Verstappen. E’ stata certamente la migliore della mia giovane carriera in F1“, ha affermato il 3° arrivato nella Midlands.

Anche se è stata un po’ a limite, non abbiamo mai ecceduto. E’ stato bello“, ha proseguito. “Non è stato per nulla semplice tenere dietro l’olandese della Red Bull. In particolare è stata dura resistergli quando si è buttato all’esterno alla Copse. In ogni caso, dopo questo risultato credo che dovremo darci da fare per migliorare il passo gara“.

Interrogato sullo show regalato del round inglese, il 21enne ha riflettuto: “Come in Austria, abbiamo assistito a diversi duelli. A mio avviso ci vorrebbero più piste del genere in calendario“.

Infine sulle recenti dichiarazioni del Presidente della FIA circa il possibile ritorno dei rifornimenti in corsa, il campione F2 2017 ha detto: “Io non ho mai corso con il pit stop completo, ma penso che sarebbe interessante reintrodurlo. Forse andrebbero anche ridotte le informazioni della telemetria“.

Chiara Rainis