New York blackout
(foto dal web)

Ieri sera un blackout ha paralizzato la città di New York, lasciando senza luce 72mila persone: nella metropoli è dilagato il panico e si è provveduto all’evacuazione di alcuni edifici simbolo.

Momenti di terrore in una delle metropoli più affollate del pianeta: ieri sera nella città di New York un blackout ha messo letteralmente in ginocchio 72mila persone. Evacuati Lincoln Center e Madison Square Garden, al buio Times Square ed Empire State Building.

Blackout durante il Manhattanhenge: panico tra la folla

Un sabato sera affollatissimo, riporta la redazione dell’Ansa, quello del 13 luglio a New York poiché in questa data è possibile assistere allo spettacolo del Manhattanhenge, ossia quando il sole al tramonto si allinea perfettamente con le strade tra i grattacieli di Midtown. Un momento magico che d’improvviso si è trasformato in un incubo: un blackout ha spento le luci della città, mandando in tilt la metropolitana della Grande Mela. Il traffico, stante lo spegnimento dei semafori, si è immediatamente paralizzato costringendo il governatore Andrew Cuomo, riporta l’Ansa, a far intervenire gli uomini della Guardia Nazionale. Edifici simbolo come Times Square e l’Empire State Building sono rimasti al buio, mentre il Lincoln Center ed il Madison Square Garden, dove stava per avere inizio un concerto di Jennifer Lopez, sono stati evacuati.

La paura e la tensione fra gli abitanti, avrebbe spiegato il sindaco Bill De Blasio, sarebbero da ricondursi al ricordo dell’11 settembre 2001 ancora vivo nella memoria dei newyorkesi: a quel timore di essere di nuovo sotto attacco. Probabilmente sarà stato proprio questo il primo pensiero ad aver sfiorato la mente di chi, durante il blackout, si trovava all’interno dei treni o delle stazioni della metropolitana, o di chi si è ritrovata bloccata all’interno di un ascensore. Bill De Blasio, in piena campagna elettorale, avrebbe rassicurato i propri cittadini tramite un messaggio sulle proprie pagine social: “E’ solo un problema tecnico la situazione è sotto controllo”. A causare il blackout, con molta probabilità, riporta l’Ansa, sarebbe stato l’incendio di una centralina in una delle centrali della ConEdison.

Non è la prima volta in cui la città di New York si trova a dover fare i conti con un blackout: il 13 luglio del 1977, la città intera rimase senza corrente elettrica fatta eccezione di una parte del Queens. L’ultimo, invece, risaliva al 2003, quando vennero lasciati al buio anche il Palazzo di vetro delle Nazioni Unite e Wall Street.

Leggi anche —> Grida alla ex moglie: “ti ricordi di me?”, poi il folle gesto