Tito Rabat
photo Facebook

Tito Rabat: “Kawasaki? Voglio restare in MotoGP”

Stagione complicata per Tito Rabat. Il pilota spagnolo pagaancora le conseguenze del suo grave incidente durante il Gran Premio di Gran Bretagna del 2018. Poco a poco le sue condizioni fisiche sono migliorate anche se ha ancora qualche disagio. Tuttavia i risultati stanno progredendo e nelle ultime tre gare ha collezionato 13 punti.

Potrebbe non bastare per guadagnarsi il rinnovo di contratto con Avintia Racing, che ha espresso la volontà di ingaggiare un giovane promettente della Moto2 per il 2020. Tito Rabat ha sottolineato le difficoltà che riserva la MotoGP, un campionato dove “tutto è così vicino che un piccolo errore può farti passare dall’essere tra i primi 10 ad essere l’ultimo, quindi è molto complicato e deve essere tutto ok” .

La Reale Avintia sta vivendo una delle stagioni più complicate che si ricordino. Questo fatto ha portato alla comparsa nei giorni scorsi di una serie di voci sulla stampa che hanno indicato che potrebbe essere il suo ultimo anno nella classe regina. In questo modo, almeno uno dei due piloti dovrebbe cercare un posto in altre strutture.

Di recente si è detto che Tito Rabat potrebbe avere un’offerta dal World Superbike di Kawasaki, che il pilota spagnolo non conferma né smentisce: “Io voglio restare qui, ci sta aiutando Ducati, abbiamo ulteriore aiuto e siamo riusciti a fare una squadra ancora migliore qui e potremmo essere costantemente più competitivi e in lotta per la top ten”. Infine, ha sottolineato che “alla fine tutto è molto difficile e passi molto tempo lontano da casa. Qui c’è molta pressione e molta usura. Alla fine, se fai tutto come si deve – ha concluso Tito Rabat – c’è una ricompensa minima di auto-soddisfazione”.