Superbike 2019: ci si attende un grande weekend a Laguna Seca da Razgatlioglu su Kawasaki e da Sykes su BMW, piloti in forma in questa fase del campionato WorldSBK.

sykes razgatlioglu superbike
Toprak Razgatlioglu e Tom Sykes (Getty Images)

Nel campionato mondiale Superbike 2019 ovviamente l’attenzione è soprattutto su Jonathan Rea e Alvaro Bautista, i due contendenti per il titolo. Ma ci sono anche altri piloti da tenere d’occhio, soprattutto in questo periodo.

Ci riferiamo in particolare a Toprak Razgatlioglu e a Tom Sykes, il cui livello di prestazioni e risultati è migliorato negli ultimi GP. Il Gran Premio degli Stati Uniti a Laguna Seca rappresenterà un banco di prova importante in questo weekend. Entrambi hanno voglia di confermare il trend positivo recente, lottando nuovamente per la zona podio e magari anche per qualcosa di più se sarà possibile.

Superbike 2019, Razgatlioglu e Sykes sorprese anche a Laguna Seca?

Razgatlioglu negli ultimi quattro GP ha conquistato cinque podi. Ha concluso terzo Gara 1 a Imola dopo una bella battaglia con Michael van der Mark e Leon Haslam. Stesso risultato in Gara 2 a Jerez. Poi nella seconda manche di Misano seconda posizione in seguito a una fantastica lotta con Rea, stessa cosa avvenuta anche nella Gara 2 di Donington. Mentre nella Superpole Race il pilota turco del team Puccetti Kawasaki ha chiuso secondo dopo il guaio capitato a Sykes.

Il rider della BMW era in seconda posizione quando le bandiere rosse sono state esposte a causa dell’olio riversatosi in pista in seguito alla rottura del motore della S 1000 RR di Peter Hickman. Tale problema ha generato delle cadute di piloti che erano dietro di lui. E tra le vittime c’è stato poi anche Sykes stesso, scivolato e non in grado di rientrare sulla sua moto in pit-lane entro i 5 minuti stabiliti dal regolamento. Così gli è stato tolto un secondo posto meritato, che aveva guadagnato pure nella Gara 1 del sabato sul bagnato. Stesso risultato anche nella prima manche di Misano.

Sul circuito intitolato a Marco Simoncelli, il pilota BMW poteva andare sul podio anche nella Superpole Race ma all’ultimo giro la sua S 1000 RR lo ha appiedato mentre era in terza posizione. Il ritiro lo ha fatto partire indietro in Gara 2, altrimenti poteva fare meglio del sesto posto finale. Idem nella seconda manche di Donington: dovendo scattare indietro non è andato oltre la settima posizione.

Razgatlioglu e Sykes sono in crescita con le rispettive moto. Hanno il potenziale per fare bene anche a Laguna Seca in questa ultima tappa del campionato mondiale Superbike prima della pausa estiva. La Kawasaki è molto forte e i risultati di Rea lo testimoniano, quindi è più facile immaginarsi nuovamente Toprak nelle prime posizioni. Più incertezza sulla BMW, certamente in fase di progresso ma che dovrà confermarsi pure negli Stati Uniti. Il team è fiducioso di poter essere nuovamente in zona podio. Non rimane che attendere il fine settimana per capire cosa riusciranno a fare i due piloti.

 

Matteo Bellan