Antonio Logli e Roberta Ragusa
Antonio Logli e Roberta Ragusa (foto dal web)

Durante la trasmissione Mediaset Quarto Grado, il conduttore Gianluigi Nuzzi ha letto le prime reazioni di Sara Calzolaio dopo la condanna del compagno Antonio Logli per l’omicidio di Roberta Ragusa.

Ieri, mercoledì 10 luglio, in serata è arrivata la decisione della Corte di Cassazione in merito al caso Roberta Ragusa. I giudici con l’ermellino dopo ore di camera di consiglio hanno accolto la richiesta del Procuratore Generale della Cassazione, Luigi Birritteri, confermando la pena a 20 anni reclusione per Antonio Logli. Il marito della donna scomparsa nel gennaio 2012 ha atteso la sentenza in un bed and breakfast e adesso sarà trasferito in carcere dove dovrà scontare la pena. Durante la trasmissione Mediaset Quarto Grado che ha dato in diretta la notizia, il conduttore Gianluigi Nuzzi ha riportato le prime dichiarazioni della compagna di Logli ed ex babysitter della famiglia Sara Calzolaio.

Caso Roberta Ragusa, Sara Calzolaio dopo la condanna di Antonio Logli: “Sono distrutta non so come poter andare avanti”

Sono disperato“, queste sarebbero state le prime parole di Antonio Logli riferite al suo avvocato Roberto Cavani dopo la sentenza della Corte di Cassazione che hanno confermato la pena a 20 anni di reclusione comminata all’uomo dalla Corte d’Appello di Firenze. Logli è accusato dell’omicidio e della distruzione del cadavere della moglie Roberta Ragusa, scomparsa da Gello, frazione di San Giuliano Terme in provincia di Pisa, nella notte tra il 13 e il 14 gennaio 2012. A parlare della decisione dei giudici della Suprema Corte è stata anche la compagna ed ex babysitter della famiglia Sara Calzolaio che ha scritto al giornalista e conduttore della trasmissione Quarto Grado. Durante la puntata del programma Mediaset andata in onda ieri, Nuzzi ha letto un sms della Calzolaio che avrebbe scritto: “La verità non è italiana e neppure la giustizia. Hanno lasciato soli due ragazzi (riferendosi ai figli di Logli e Roberta Ragusa, Alessia e Daniele, ndr). Sono distrutta non so come poter andare avanti. Daniele (il figlio più grande, ndr) – continua la Calzolaio – mi sta stupendo, mi incoraggia. Alessia, invece, è crollata dal dolore. Non mi capacito, è un incubo. Abbiamo lottato per cosa – conclude la compagna di Antonio Logli – per vedere vincere le bugie dei falsi?“.

Leggi anche —> Caso Roberta Ragusa: la decisione della Corte di Cassazione per Antonio Logli