Fernando Alonso (©Getty Images)

F1 | Alonso contatta la Red Bull, ma Honda non lo vuole

In fin dei conti c’era da aspettarselo. Considerato quante ne ha dette dal 2015 al 2018 contro la Honda, il motorista di Sakura non poteva certo essere lì con una fetta di torta in mano in attesa di un suo ritorno a casa.

Ad ogni modo una cosa pare ormai certa. Ovunque bussa Fernando Alonso trova sbarrato. Troppo ingestibile come carattere e troppo polemico, ha evidentemente fatto passare in secondo piano il suo innegabile talento.

A che porta si è presentato il Samurai? – L’ultima e più recente è quella della Red Bull. La scuderia austriaca in difficoltà con Pierre Gasly, incapace di dare vita a prestazioni degne di nota e al momento fermo a soltanto 43 punti contro i 123 del compagno di team Max Verstappen, si starebbe guardando in giro per cercare un sostituto del francese, deludente e mai molto amato dal talent scout degli energetici Helmut Marko.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

E proprio l’austriaco, a precisa domanda di Motorsport.com circa un possibile ingresso dello spagnolo al fianco del rampante olandese, ha risposto con chiarezza facendo svanire qualunque speranza di vederlo in scuderia.

Il suo entourage ci ha fatto sapere della sua disponibilità, ma per la Honda Fernando è qualcosa di impossibile“, ha dichiarato facendo intendere che il loro fornitore della PU ha posto una sorta di veto sul nome di Alo, memore degli insulti da lui ricevuti nel periodo di collaborazione con la McLaren.

Infine, una volta di più l’ex driver di Graz ha affermato come dal canto loro cercheranno di aiutare Gasly a riprendersi in modo da non dover cambiare la formazione nel 2020.

Stiamo provando a fare in modo che Pierre mostri il meglio di sé“, ha detto. “Questa è la nostra intenzione e per questo stiamo modificando diverse cose adattandoci ed aiutandoci. Il nostro obiettivo è supportarlo al meglio possibile“.

Chiara Rainis