Valentino Rossi: “Ho pensato di lasciare da vincente”

0
1093
Valentino Rossi
Valentino Rossi (Getty Images)

MotoGP | Valentino Rossi: “Ho pensato di lasciare da vincente”

Valentino Rossi non è stato autore di certo di una prestazione brillante in Germania e dopo i tre zeri consecutivi nelle prossime gare il Dottore ha bisogno di un risultato importante. Il 46 da par suo non ha la minima intenzione di mollare.

Come riportato da “Sky Sport”, Valentino Rossi ha così dichiarato: “Per prima cosa abbiamo sbagliato la scelta della gomma perché sembrava che la hard non finisse la gara. Abbiamo deciso quindi di mettere la media e non avevo tanto grip e avevo delle difficoltà. In ogni caso arrivavamo da Assen dove in gara avevamo fatto delle modifiche importanti e mi sentivo veloce”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Rossi non vuole mollare

Il Dottore ha poi proseguito: “Anche in questo weekend non sono andato abbastanza forte e in queste gare, da Le Mans a qua l’anno scorso eravamo stati molto competitivi. Avevamo fatto tante belle gare, invece, quest’anno abbiamo sofferto davvero tanto. Non mi trovo bene con la moto, non riesco ad essere veloce. Dobbiamo cercare di capire perché”.

Infine Valentino Rossi ha così concluso: “Solo un anno fa qui ero veloce, come in tutte le ultime 5-6 piste. La moto è abbastanza diversa rispetto all’anno scorso, ma non mi trovo molto bene e quindi mi trovo abbastanza in difficoltà. A Brno credo che non arriverà nessuna moto nuova. Non mi piace non vincere, ma ho vinto 89 gare in MotoGP, quindi non è male. Potrei anche non vincere più, ma non mollo, ho sempre voglia. Tutti fanno riferimento alla mia età, ma lo chiedo anche io, me lo chiedevo anche 10 anni fa se ero vecchio. Devo decidere io se lasciare o meno, dipende dalle sensazioni che ho, già qualche anno fa avevo pensato se lasciare da vincente o meno, ma ho deciso di continuare. In ogni caso se penso che l’anno scorso ero 20 secondi più veloce vuol dire che il problema non è l’età ma altro”.

Antonio Russo