bambina uccisa coppia anziani
Ambulanza (foto dal web)

Un ragazzo di 18 anni è morto dopo essere stato travolto da un amico coetaneo con cui aveva trascorso la serata insieme. Il conducente è risultato positivo all’alcol test a cui è stato sottoposto.

Una festa trascorsa insieme agli amici, un sabato sera come tanti che purtroppo si è trasformato in tragedia. È accaduto a Longone al Segrino, piccolo comune di circa 2 mila abitanti nella provincia di Como, dove un ragazzo di appena 18 anni è morto travolto da un’auto guidata da un suo amico con cui aveva trascorso la serata insieme. La vittima, Lorenzo Roncari, stava rientrando dalla festa a casa a piedi lungo la provinciale 41, quando improvvisamente, per cause ancora al vaglio degli inquirenti, è stato preso in pieno dall’auto dell’amico, una Volkswagen Polo sulla quale viaggiavano anche altri due coetanei. Il conducente del veicolo è risultato positivo all’alcool test con un tasso alcolico dello 0,3 ed essendo neopatentato è stato denunciato a piede libero per omicidio stradale.

Como, travolto ed ucciso dopo una festa: muore ragazzo di 18 anni

Un ragazzo di soli 18 anni è morto nella notte tra sabato 6 e domenica 7 luglio a Longone al Segrino (Como). La tragedia è avvenuta intorno alle 3 sulla provinciale 41 che la vittima, Lorenzo Roncari, stava percorrendo a piedi per rientrare a casa, a Canzo, dopo una festa tra amici. Il giovane è stato travolto ed ucciso da un’auto alla cui guida vi era un amico con il quale aveva trascorso la serata insieme che non è riuscito ad evitarlo. Secondo una prima ricostruzione riportata dalla stampa locale e dalla redazione de Il Corriere della Sera, il giovane 19enne alla guida della Volkswagen Polo non avrebbe visto Roncari che, per motivi ancora da accertare, si era portato in mezzo alla strada lasciando il percorso pedonale. Sul posto sono arrivati i soccorsi del 118, ma per il 18enne non c’è stato nulla da fare ed è morto ancor prima di arrivare in ospedale. Il giovane alla guida è stato sottoposto all’alcoltest con un risultato di 0,3, limite inferiore alla soglia consentita per legge, ma trattandosi di un ragazzo neopatentato, per i quali non c’è soglia di tolleranza, è stato denunciato a piede libero per omicidio stradale e guida in stato di ebbrezza. Diffusasi la notizia della morte di Lorenzo numerosi sono stati i messaggi di cordoglio per la famiglia, tra cui quelli dell’amministrazione comunale di Canzo e della Rugby Lecco, squadra in cui il giovane aveva militato per anni.

Leggi anche —> Incidente sulla ex statale: spezzata la vita di un giovane ragazzo