Superbike, Rea: “Risultati inattesi. Lotta grandiosa con Razgatlioglu”

0
142

Superbike, GP Donington 2019: Rea si gode il tris di vittorie e la leadership nella classifica mondiale SBK. Il pilota Kawasaki al settimo cielo oggi.

rea razgatlioglu bautista superbike
Jonathan Rea tra Toprak Razgatlioglu e Alvaro Bautista sul podio di Donington (foto WorldSBK)

Sicuramente Jonathan Rea non immaginava di lasciare Donington da leader della classifica mondiale piloti Superbike. Sapeva che poteva recuperare dei punti, ma non ritrovarsi a +24 su Alvaro Bautista.

Il quattro volte campione del mondo SBK ha vinto Gara 1, Superpole Race e Gara 2 mettendo a segno una bella tripletta. Prima di questo weekend aveva vinto solamente due volte a Donington. Questi successi erano fondamentali per tenere aperta la lotta al titolo. In parte ci ha pensato anche Bautista cadendo nella prima manche, dopo essere già scivolato a Jerez e a Misano.

Superbike, Donington 2019: Rea esulta per vittorie e leadership in classifica

Rea ovviamente al settimo cielo al termine della giornata di oggi. Queste le sue parole raccolte dai colleghi di Speedweek: «Chiaramente il miglior weekend di gara della stagione finora. Non mi aspettavo questi risultati. Donington non è la mia pista migliore. All’inizio delle prove libere non eravamo i più veloci, ma passo dopo passo siamo migliorati. Bisogna essere pronti quando sorgono opportunità. La Ducati non ha potuto sfruttare il vantaggio della sesta marcia a Donington. Qui devi essere un tutt’uno con la tua moto. Il mio team ha fatto un lavoro eccellente e mi ha permesso di fare una gara perfetta».

Oggi Johnny ha ingaggiato dei bei duelli tra mattina e pomeriggio. Nella Superpole Race ha lottato con Tom Sykes, che è stato beffato dal regolamento perdendo così un secondo posto meritato: «Lui è uno dei piloti migliori – commenta Rea – ma sono riuscito a sorpassarlo. Mi dispiace che il suo risultato sia stato cancellato dopo la gara sprint. Non c’era stata nessuna bandiera di avvertimento sull’olio presente in pista. Sono stato fortunato a non cadere». Invece il rider della BMW è caduto dopo l’esposizione delle bandiere rosse e non ha potuto rientrare in pit-lane con la sua moto entro i 5 minuti previsti. Un vero peccato.

In Gara 2 il quattro volte campione del mondo Superbike ha ritrovato Toprak Razgatlioglu come rivale, un replay di quanto successo a Misano. Anche stavolta il nord-irlandese ha avuto la meglio, ma se l’è dovuta sudare la vittoria: «La seconda manche è stata speciale, grandiosa la lotta con Toprak. In alcuni punti era estremamente forte, in altri lo ero io invece. Al penultimo giro sono riuscito a mettere un po’ di distanza e ho conquistato la vittoria».

 

Matteo Bellan