Allarme Processionaria: numerosi luoghi pubblici chiusi

0
396
Processionaria
Processionaria (foto dal web)

La presenza di Processionaria, un insetto altamente distruttivo, ha portato alla chiusura di numerosi luoghi pubblici. L’allarme è scattato nell’intero Paese.

La presenza copiosa di Processionarie, un insetto altamente distruttivo, ha portato alla chiusura di numerosi luoghi pubblici, perfino di alcune strade. Come riportato da Il Giornale, l’allarme è scattato in tutta la Germania, specialmente nelle zone di Brandeburgo, della Sassonia-Anhalt, del Baden-Wurttemberg, della Baviera e dello Stato occidentale del Nord Reno-Westfalia.

I danni causati dalla Processionaria: scatta l’allarme

Il temibile insetto, che aggredisce le conifere, è molto pericoloso: le sue setole urticanti potrebbero colpire l’uomo anche senza un contatto diretto, considerato che possono essere trasportate dal vento. Al momento risultano ricoverate 15 persone, le quali sono state sottoposte, riporta Il Giornale, ad un delicatissimo intervento agli occhi per rimuovere le setole. A Mulheim, Germania, nove bambini sono stati ricoverati in seguito a problemi respiratori e dermatiti. Come riportato da Deutschelandfunk, a Dortmund sarebbero circa 500 le piante attaccate da Processionaria. Gli organizzatori di un concerto rock a Norimberga sono stati costretti a contattare una ditta di disinfestazione prima dell’inizio del festival. Francoforte, invece, ha dovuto fare ricorso agli elicotteri per debellare gli insetti che avevano infestato ben 220 ettari di bosco.

Processionaria: cos’è e quali effetti ha il suo contatto con l’uomo

La processionaria è un insetto, più correttamente un lepidottero,  altamente distruttivo che divora le foglie delle pinete. Questi animali sono molto pericolosi, non solo per la vegetazione, ma anche per l’uomo e gli animali, nei quali può causare gravi danni. Questi bruchi sono ricoperti da microscopici peli urticanti che a causa del vento si propagano nell’ambiente circostante: ne deriva, quindi, che il pericoloso contatto con questi animali può avvenire anche in modo indiretto. Le conseguenze possono essere estremamente gravi: reazioni cutanee, alle mucose, agli occhi e alle vie respiratorie, specialmente in soggetti sensibili. Questi peli contengono una sostanza altamente tossica che, a contatto con l’epidermide, viene immediatamente iniettata: causerà, quindi, dermatite con arrossamento, edema, prurito e bruciore, vescicole e bolle.

Le femmine riescono a deporre fino a 300 uova, che una volta dischiuse danno alla luce altrettanti bruchi i quali procedono in gruppo, in fila indiana, come una processione: da qui il nome affibbiato all’insetto.

Leggi anche —> Balotelli, utenti indignati: un suo video fa il giro del web – VIDEO