Andrea Dovizioso
Getty Images

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Non abbiamo nessun asso nella manica”

Solo tre millesimi hanno separato Andrea Dovizioso dalla Q2. Nel GP del Sachsenring partirà dal 13° posto in griglia dopo un difficile sabato in qualifica, mentre Danilo Petrucci al termine della Q2 ha rimediato un incidente a circa 200 km/h e ha dovuto accontentarsi del 12° posto.

Se per le due Ducati del team ufficiale è andata male, invece Jack Miller ha guadagnato la quinta posizione in grigli. La domanda è: Dovizioso guarda più da vicino i dati del collega di marca? “Certo, noi osserviamo e impariamo ogni fine settimana quando un pilota fa qualcosa di diverso ed è veloce”, ha detto il forlivese. “Che questo sia lo stile o il set-up dell’elettronica di guida. Jack ha fatto un giro veloce ed era intelligente, perché aveva scelto le gomme dure per esso, invece sarebbe stato difficile con la mescola morbida”.

Per quanto riguarda la sua strategia di corsa, Andrea Dovizioso non si nasconde e vede il titolo mondiale allontanarsi: “Penso che non siamo nella posizione di tirare fuori qualche asso dalle nostre maniche. Non siamo certamente nella posizione migliore, perché se ho messo troppo a dura prova la gomma posteriore all’inizio della gara per guadagnare alcune posizioni, dovrò pagare per questo. Questo non sarà sicuramente facile e la scelta delle gomme deciderà sul successo e sulla sconfitta. I leader sono molto veloci, ma dietro di loro c’è un grande gruppo, al quale apparteniamo. Tanto può ancora accadere in gara”.

Petrucci infortunato, ma sarà in pista

Qualifiche difficili anche per Danilo Petrucci, che ha accusato una brutta botta in curva 9 con conseguente infortunio alla mano. Ha riportato una lesione ai legamenti del pollice, ma fortunatamente nessuna frattura. Domani sarà regolarmente in gara pur dovendo stringere i denti. Se il polso sinistro ha subito danni dovrà essere chiarito nei prossimi giorni usando la risonanza magnetica: “Il mio polso sinistro non era buono prima, il movimento è limitato perché nel 2014 ho sofferto una dislocazione dello scafoide e del lunato. Mi fa molto male e questo potrebbe essere un problema nell’impugnatura dello sterzo. Spero di alzarmi domenica mattina e riuscire a tenere il manubrio. Ma la situazione sta migliorando rispetto al momento in cui mi trovavo lì e ho avuto davvero tanto dolore”.