(websource)

Nome: Toyota RAV Four

Debutto: 1989 Tokyo Motor Show

Specifiche: motore a quattro cilindri 2,0 litri, 4 ruote motrici, differenziale posteriore a slittamento limitato, quattro ruote ABS, 3695 millimetri di lunghezza, 1695 mm di larghezza e 1660 mm di altezza.

Perché lo ricordiamo ora:

Con la RAV4 che sta diventando uno dei più importanti crossover nell’industria automobilistica, abbiamo pensato che valeva la pena dare uno sguardo alle sue origini.

Ampiamente accettato come il primissimo crossover compatto che ha fatto il suo ingresso sul mercato, il RAV4 affonda le sue radici nella metà degli anni ’80, quando la Toyota ha avuto l’idea nel 1986. Tuttavia, non è stato fino al 1989 al Tokyo Motor Show dove è stato introdotto un concept per un piccolo CUV con il nome “RAV Four” – una versione abbreviata di Recreational Active Vehicle con trazione integrale.

Siamo stati in grado di trovare il comunicato stampa originale del 1989 in cui Toyota ha etichettato il concept come una “neo-urbana 4RM progettata per gli stili di vita attivi dei giovani abitanti delle città“. In realtà era più di una semplice concept car da esporre a vari saloni dell’auto, dato che la RAV Four assomigliava più a un prototipo.

Una versione aggiornata e più vicina alla produzione è stata presentata allo stesso salone dell’auto a casa in Giappone nel 1993 con una sospensione indipendente a quattro ruote e una doppia sospensione posteriore a quadrilatero. Questa volta, Toyota ha accorciato il relativo nome semplicemente a “RAV 4” e gli ha dato un differenziale di slittamento limitato posteriore di coppia-sensing così come l’ABS su tutte e quattro le ruote. Le immagini non sono disponibili, ma il concept rivisto aveva un “doppio tettuccio apribile in alluminio” rimovibile e un sedile posteriore piatto completamente reclinato per aumentare la capacità di carico.

Il suo debutto è avvenuto nel 1994, quando la prima generazione di RAV4 è stata messa in vendita in Giappone e in Europa, con gli Stati Uniti che hanno potuto usufruirne solo nel 1996. Giunto alla sua quinta generazione, l’attuale crossover è decisamente più massiccio rispetto al concept che era all’incirca delle stesse dimensioni dell’attuale Suzuki Jimny.