Danilo Petrucci posa con la Ducati Desmosedici GP (Foto Ducati)
Danilo Petrucci posa con la Ducati Desmosedici GP (Foto Ducati)

MotoGP | Danilo Petrucci trova l’accordo con Ducati: deciso il suo futuro per il 2020

Ormai è ufficiale: Danilo Petrucci sarà un pilota della Ducati anche nel 2020. Il centauro di Terni aveva sciolto ogni residuo dubbio della Rossa di Borgo Panigale sulle sue prestazioni con la sua prima vittoria della carriera in MotoGP ottenuta al Mugello, ma anche con gli altri due podi di Le Mans e di Barcellona, per non parlare degli arrivi a punti in tutte le gare disputate finora e del suo sorprendente terzo posto in classifica di campionato. Ma c’era ancora da sistemare la questione dello stipendio.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Pur di passare al team ufficiale, infatti, Petrux aveva accettato un ingaggio incredibilmente basso, per gli standard del Motomondiale: 500 mila euro più bonus per il contratto annuale che lo legava alla Casa bolognese nel 2019. Una volta chiarito in pista di meritarsi il posto, però, Danilo si è sentito in dovere di chiedere almeno un piccolo aumento: il suo manager Alberto Vergani spingeva per arrivare a 750 mila euro, mentre i vertici della Ducati si volevano assestare sui 600 mila. Divergenze che sono state definitivamente appianate ieri sera, in una teleconferenza durante la quale Vergani si è accordato con l’amministratore delegato Claudio Domenicali, con il direttore generale del reparto corse Gigi Dall’Igna e con il direttore sportivo Paolo Ciabatti.

I commenti di Petrucci e della Ducati

Una volta assestati anche gli ultimi dettagli, dunque, è arrivato il momento di mettere nero su bianco la firma sul rinnovo del contratto: Danilo Petrucci sarà un pilota ufficiale della Ducati anche per il 2020. L’annuncio è arrivato alla vigilia del Gran Premio del Sachsenring ed è stato accolto con comprensibile soddisfazione da parte dell’italiano: “Sono molto felice di continuare insieme a Ducati per un’altra stagione”, ha commentato Danilo. “Era il mio obiettivo fin dall’inizio di questa nuova avventura, dal momento che abbiamo trovato da subito un grande affiatamento con tutta la squadra. In questa prima metà di campionato siamo riusciti a migliorare progressivamente il nostro rendimento, conquistando due podi ed una splendida vittoria. Arrivare al rinnovo prima della pausa estiva mi dà ancora più serenità e fiducia per il futuro. Ora voglio semplicemente restare concentrato e continuare il mio percorso di crescita agonistica per fare sempre meglio in pista: siamo terzi in classifica, e l’obiettivo è essere tra i primi tre anche a fine stagione”.

Leggi anche -> Jorge Lorenzo prova il ritorno in Ducati, ma la Rossa gli dice “no”

La Ducati, del resto, fino ad oggi era l’unica squadra ufficiale ad avere un pilota in scadenza a fine stagione. Fare chiarezza sul proprio futuro in termini di piloti servirà dunque anche a ristabilire la serenità nel box rosso, che si era parzialmente incrinata ad Assen quando lo stesso Petrucci aveva dichiarato di sentirsi “tra l’incudine e il martello”, ovvero sospeso tra la necessità di ottenere i migliori risultati possibili per meritarsi la fiducia del team e tra il suo ruolo di gregario che gli impone di non attaccare Andrea Dovizioso. Più rasserenato appare dunque oggi anche Gigi Dall’Igna, come lui stesso dichiara: “Siamo molto felici di avere trovato un accordo con Petrucci per continuare a lavorare insieme anche nella prossima stagione. Danilo ha messo in mostra la sua professionalità ed il suo talento fin dalle prime uscite con la Desmosedici GP ufficiale e penso che le sue qualità oggi siano sotto gli occhi di tutti, come dimostrano i risultati di prestigio già ottenuti quest’anno e culminati con la prima, emozionante, vittoria conquistata al Mugello. Con Danilo nei box a fianco di Andrea, il nostro obiettivo resta naturalmente il titolo mondiale, sia Piloti che Costruttori”.