Danilo Petrucci
Getty Images

MotoGP, Danilo Petrucci rinnova… ma è senza patente

Nella conferenza stampa del Sachsenring Danilo Petrucci ha preso il posto del suo compagno di squadra Andrea Dovizioso. Oggi è un po’ il ‘Danilo’s Day’, con il pilota di Terni che ha ufficializzato il rinnovo di contratto con Ducati per un’altra stagione, un obiettivo inseguito da inizio campionato e raggiunto anche grazie alla vittoria del Mugello.

Finalmente Petrux può concentrarsi esclusivamente sulle prestazioni in pista e andare in vacanza più sereno. “Sicuramente entrambe le parti volevano continuare questa avventura, la prima parte della stagione è stata positiva. Il mio obiettivo era restare in questo team più anni possibile e il prossimo anno avrà un’altra grande opportunità. Non ho pressione, siamo in lotta per il terzo posto in campionato, io e Andrea vogliamo fare gare migliori rispetto ad Assen, abbiamo avversari forti e credo che possiamo concentrarci più sulla pista e non su quello che succede fuori”.

Il sesto posto in Olanda ha lasciato un retrogusto amaro, soprattutto considerando che ha perso una posizione all’ultima chicane. Ma dietro l’opaca prestazione un problema ancora non decifrato con la sua Desmosedici GP20. “Ad Assen abbiamo vissuto uno dei week-end più strani della stagione – ha proseguito Danilo Petrucci -. Fino a sabato mattina ho guidato una delle moto migliori, poi al pomeriggio tutto è cambiato con l’innalzarsi delle temperature e il distacco dal tempo di Maverick era piuttosto grande. Dobbiamo lavorare con Andrea per avere una strategia nelle qualifiche”.

Al Sachsenring ha buone sensazioni e guarda con ottimismo al podio. dopo che un anno fa l’ha sfiorato di un soffio, concludendo dietro le Yamaha ufficiali. “L’anno scorso ho perso il podio per una posizione all’ultimo giro. Avevo poca gomma sulla spalla sinistra e credo sia quello il segreto per essere veloci. Non ci sono tante curve strette, ma alcune sono piuttosto lunghe. Potremo lottare per il podio, sarà dura battere Marquez se guardiamo i risultati degli ultimi anni”. Dopo la Germania si vola in vacanza, ma nei programmi di Danilo Petrucci non ci sono grandi progetti, eccezion fatta per la patente di guida: “Martedì prossimo devo prendere la patente, passerò dieci giorni nel mio paese, poi andrà in spiaggia in Italia. Infine continuerò ad allenarmi”.