MotoGP, Petrucci punge Ducati: “Del contratto meglio non parlare”

0
267
Danilo Petrucci
Getty Images

MotoGP | Danilo Petrucci punge Ducati: “Del contratto meglio non parlare”

Il sorpasso di Franco Morbidelli all’ultimo giro ha fatto esplodere la frustrazione di Danilo Petrucci, costretto da un lato a non compiere manovre azzardate sul compagno Andrea Dovizioso, dall’altro a raggiungere certi obiettivi per veder soddisfatte le richieste sul rinnovo di contratto.

Ancora una volta ad Assen non ha tentato un sorpasso rischioso su Dovizioso nelle fasi finali, ma ne ha approfittato Morbidelli per superarlo e prendersi la quinta piazza. “Devo stare molto attento nei confronti di Dovizioso – ha ammesso in un’intervista rilasciata a ‘La Gazzetta dello Sport’ -, lui è secondo nel mondiale e l’obiettivo è vincere il titolo con lui. Così ho sempre dei dubbi se fare un sorpasso azzardato nei suoi confronti”.

Il contratto di Petrucci è anti-Dovizioso?

Per Danilo Petrucci c’è ancora in ballo il rinnovo di contratto, su cui c’è un tira e molla con i vertici Ducati, in quanto non c’è accordo sulle cifre. “Non siamo d’accordo sui numeri – conferma il pilota di Terni -: per avere quello che voglio nel 2020, devo ottenere certi risultati nel 2019. Ma è una situazione molto complicata da gestire, non mi conviene dire quali sono i termini per il rinnovo: sono tra l’incudine e il martello”.

La questione in sospeso non lascia tranquillo Danilo Petrucci, le cifre in ballo non sono esagerate tra domanda e offerta, ma da Borgo Panigale non sono per nulla intenzionati a regalare qualcosa in più. In questo modo Petrux è professionalmente costretto ad osare di più, ma questo significherebbe mettere a rischio la corsa iridata del Dovi. “Petrucci deve stare tranquillo, sta dimostrando di essere un ottimo pilota – ha sintetizzato Andrea Dovizioso -, chi lo dovrebbe sostituire (Jack Miller, n.d.r.) sta facendo peggio”.