Incidente drammatico: bambina di 12 anni muore sbalzata fuori dal mezzo

0
440
Idroambulanza
Idroambulanza (foto dal web)

Una bambina di 12 anni nel pomeriggio di ieri è morta dopo essere stata sbalzata da un barchino che aveva urtato una briccola nella laguna di Venezia. Inutili i tentativi di soccorso dei sanitari del 118.

Tragedia nella laguna di Venezia nel pomeriggio di ieri, domenica 30 giugno, quando una bambina di soli 12 anni è morta in un incidente in mare. La ragazzina si trovava a bordo di un barchino che si è scontrato contro una briccola, struttura nautica utilizzata per indicare le vie d’acqua nella laguna, e a causa del violento impatto la 12enne è stata sbalzata fuori bordo. Sul posto sono immediatamente intervenuti gli operatori del 118 che hanno provato a rianimare la ragazzina e l’hanno trasportata d’urgenza all’ospedale Santi Giovanni e Paolo di Venezia, dove purtroppo è giunta già morta.

Tragedia nella laguna di Venezia: bambina di 12 anni muore sbalzata da un barchino

Un incidente in mare è costato la vita ad una ragazzina di 12 anni che è morta nel pomeriggio di ieri nella laguna di Venezia. La 12enne, secondo una prima ricostruzione riportata dalla redazione de Il Messaggero, si trovava su barchino con altre tre persone, quando improvvisamente la piccola imbarcazione si è scontrata con una briccola, struttura nautica formata da due o più grossi pali di legno utilizzata per indicare i canali della laguna. L’impatto, avvenuto nei pressi del cosiddetto Bacàn (una lingua di terra sabbiosa, emersa tra l’isola di Sant’Erasmo e Punta Sabbioni) all’altezza degli impianti del Mose, è stato molto violento e la ragazzina è stata sbalzata fuori dal barchino. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco e l’idroambulanza del Suem 118 con a bordo il personale medico che ha provato a rianimare la ragazzina poi trasportata d’urgenza all’ospedale Santi Giovanni e Paolo di Venezia, dove purtroppo è giunta già morta a causa delle ferite riportate e di un arresto cardiocircolatorio. Ricoverato anche il padre della vittima che si era tuffato in mare per salvare la figlia e adesso in forte stato di choc. Come raccontato da Il Messaggero, gli altri occupanti della barca non hanno riportato ferite gravi.

Leggi anche —> Weekend di morte: il caldo e gli incidenti stradali non c’entrano