Il terribile gesto di una madre: “rappresentava un ostacolo per la sua relazione”

bambino herpes
(foto dal web)

Una madre di 41 anni del New Jersey, Stati Uniti, uccide il figlio di 17 mesi perché considerato un ostacolo per la propria relazione. Adesso la donna rischia di essere condannata all’ergastolo.

L’ennesimo caso di infanticidio commesso da un genitore riempie le pagine di cronaca. Questa volta è accaduto nel New Jersey, Stati Uniti, dove una madre di 41 anni ha soffocato il proprio figlio di 17 mesi. La donna, secondo quanto ricostruito dalle autorità locali, avrebbe soffocato il bimbo con un panno coprendogli naso e bocca probabilmente perché “rappresentava un ostacolo per la sua relazione”. La 41enne è stata arrestata dalla polizia e trasferita in carcere, dove adesso rischia di rimanere a vita.

Leggi anche —> Strage di Lecco: semilibertà per la donna che massacrò le tre figlie

Uccide brutalmente il figlio di 17 mesi: madre 41enne rischia l’ergastolo

Avrebbe ucciso il figlio di 17 mesi soffocandolo con un panno che gli copriva naso e bocca. Questa la gravissima accusa nei confronti di Heather Reynolds, una madre 41enne del New Jersey che adesso rischia di essere condannata in via definitiva all’ergastolo. I fatti risalgono al 10 maggio dell’anno scorso, quando la stessa madre, con un passato da dipendente di metanfetamine, secondo quanto riportato dalla stampa locale e dalla redazione di Fanpage, chiamò i soccorsi che la ritrovarono con il bambino senza vita in braccio. Secondo la ricostruzione dei pubblici ministeri la Reynolds venne trovata dalla polizia con dei lividi attorno alla bocca e pare che avesse bevuto. Dall’autopsia effettuata dai medici legali sul cadavere è emerso che il bambino era morto di asfissia e nel suo corpo vennero trovate tracce di una sostanza usata in detergenti e antisettici. Inoltre l’accusa, durante un’udienza tenutasi presso il tribunale superiore della contea di Camden, nel New Jersey, ha delineato quello che sarebbe stato il movente del brutale omicidio, così definito dal giudice, che sarebbe stato commesso perché il piccolo sarebbe divenuto un ostacolo per la relazione della donna. Adesso Heather Reynolds, che ha sempre negato tali accuse, è detenuta in carcere in attesa di giudizio e a breve potrebbe essere condannata in via definitiva, secondo le leggi vigenti, all’ergastolo.

Leggi anche —> Tragedia in mattinata: bambino muore fantasticando sui supereroi