Ferrari, in Austria debuttano altre novità aerodinamiche: ecco quali

0
490
I nuovi profili sulla parte bassa del musetto della Ferrari SF90 introdotti al GP d'Austria di F1 2019 (Foto Georg Hochmuth/Afp/Getty Images)
I nuovi profili sulla parte bassa del musetto della Ferrari SF90 introdotti al GP d’Austria di F1 2019 (Foto Georg Hochmuth/Afp/Getty Images)

F1 | Ferrari, in Austria debuttano altre novità aerodinamiche: ecco quali

Anche al Gran Premio d’Austria di F1 2019, la Ferrari ha proseguito la sua serie di aggiornamenti tecnici alla SF90, con il chiaro obiettivo di rendere la monoposto più competitiva con la Mercedes e capace di interrompere finalmente il suo lungo digiuno di vittorie. Se nello scorso appuntamento disputato solo una settimana fa in Francia gli ingegneri di Maranello avevano sfoderato un nuovo alettone anteriore, stavolta lo hanno ulteriormente sviluppato aggiungendo dei nuovi deviatori di flusso attaccati al bordo inferiore del musetto.

Leggi anche -> Ferrari, per inseguire la svolta ecco la retromarcia totale sul fronte tecnico

Il nuovo disegno dell’avantreno della Ferrari SF90 comprende dunque i nuovi profili spostati verso la parte anteriore, a cui è stato aggiunto un ulteriore elemento per controllare meglio il flusso d’aria inferiore in quella zona della vettura, raccogliendolo dall’ala e dirigendolo poi verso le fiancate e il fondo. Le modifiche hanno riguardato anche i piloncini dell’alettone, che ora mostrano una sorta di lama sul margine basso.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Anche questo, che può sembrare un piccolo dettaglio, è stato però studiato con cura dai progettisti del Cavallino rampante, che nelle ultime settimane hanno ulteriormente rilanciato il loro lavoro alla ricerca del massimo carico aerodinamico. Ovvero, della soluzione al principale problema congenito della SF90, che finora le ha impedito di ottenere una sufficiente aderenza, soprattutto nelle curve più strette e guidate, tale da portare le gomme alla giusta temperatura di esercizio e quindi da dare ai piloti una manovrabilità soddisfacente. Basteranno queste innovazioni tecniche a invertire la tendenza e a riportare la Ferrari al vertice? Lo vedremo domenica in gara al Red Bull Ring