Aspetta la polizia fumando una sigaretta: la scena è da film horror

omicidio viareggio
Polizia scientifica (Getty Images)

Un uomo di 30 anni uccide brutalmente la propria madre, colpendola con diverse coltellate a Civitavecchia, e poi aspetta la polizia fumando una sigaretta. Il 30enne è stato arrestato e portato in carcere.

Un uomo di 30 anni ha brutalmente ucciso la madre sferrandole diverse coltellate. È accaduto a Civitavecchia, comune in provincia di Roma, in un’abitazione sita nella periferia nel tardo pomeriggio di ieri, giovedì 27 giugno. A chiamare i soccorsi e le forze dell’ordine è stato proprio il 30enne che al centralino ha ammesso di aver ucciso la madre. Sul posto sono giunti subito i soccorsi del 118, ma purtroppo per la donna non c’era più nulla da fare ed è stato possibile solo constatarne il decesso. Il figlio della vittima è stato arrestato e trasferito al carcere Passerini di Civitavecchia con l’accusa di omicidio.

Uomo di 30 anni uccide la madre al culmine di una lite: sferrate diverse coltellate con violenza

Un brutale omicidio è stato commesso nel tardo pomeriggio di ieri, giovedì 27 giugno a Civitavecchia, comune in provincia di Roma. Un uomo di 30 anni ha accoltellato la madre 55enne nell’abitazione dove i due vivevano. Ad avvisare i soccorsi e le forze dell’ordine, secondo quanto riportato dalla redazione de Il Fatto Quotidiano, per segnalare quanto successo è stato lo stesso 30enne che ha chiamato il 112 ammettendo di aver ucciso una donna. Sul posto si sono precipitati gli agenti di polizia ed i sanitari del 118, i quali hanno potuto solo constatare il decesso della donna, uccisa con diverse coltellate sferrate dal 30enne con un violenza da spezzare la punta del grosso coltello da cucina utilizzato per l’omicidio. L’uomo, poi si è cambiato i vestiti ed ha aspettato fumando una sigaretta gli agenti del commissariato Civitavecchia. Dalle prime informazioni sembra che l’uomo, affetto da problemi psichiatrici, abbia agito al culmine di una lite con la propria madre per futili motivi. La polizia hanno provveduto ad arrestare il 30enne che è stato prima accompagnato in commissariato e successivamente presso il carcere Passerini di Civitavecchia con l’accusa di omicidio. Sul caso sta indagando la polizia per cercare di risalire all’esatta dinamica della vicenda.

Leggi anche —> Incidente in mattinata, ragazzo travolto da un treno: amputato un arto