stupro ragazza
(foto dal web

Una ragazza di 21 anni si è recata in ospedale ed ha denunciato di essere stata violentata all’esterno di una discoteca di Mantova nella notte tra sabato e domenica scorsa.

Un altro terribile caso di stupro si è consumato in Italia. È avvenuto nella notte tra sabato e domenica scorsa a Mantova all’esterno di una famosa discoteca. La vittima sarebbe una ragazza di 21 anni residente nel veronese che si è recata domenica all’ospedale di Legnago (Verona) per denunciare l’accaduto. Ai medici del nosocomio, la 21enne avrebbe denunciato di essere stata violentata da un gruppetto di ragazzi che dopo l’abuso l’hanno abbandonata per strada. Sulla vicenda, riportata dalla redazione del quotidiano locale L’Arena, stanno indagando i carabinieri per cercare di ricostruire la dinamica dell’accaduto e rintracciare i responsabili.

Violentata dal branco: ragazza 21enne denuncia l’accaduto ai medici

Sono stata violentata da più uomini dopo una notte in una discoteca del mantovano e poi abbandonata in strada“. Questo è quanto avrebbe riferito una giovane 21enne ai medici dell’ospedale di Legnago, comune in provincia di Verona, dove si è recata domenica mattina. La ragazza, secondo quanto riportato dalla redazione de L’Arena, ai medici, che hanno accertato la violenza sessuale, avrebbe fornito una ricostruzione frammentaria del drammatico episodio raccontando di aver subito una violenza da parte di un gruppetto di ragazzi. Secondo il racconto della giovane, la violenza sarebbe avvenuta all’esterno della discoteca di Mantova “Mascara” dove si era recata con un amico nella notte tra sabato e domenica scorsa. Qui ha conosciuto un ragazzo che l’ha invitata ad andare fuori dal locale, dove improvvisamente è stata accerchiata da altri due amici del ragazzo che l’hanno violentata. Secondo il suo racconto, il branco era composto da tre uomini di età compresa tra i 25 e i 30 anni e con “marcato accento meridionale”. Dopo la violenza, i tre hanno fatto salire la 21enne in auto e l’avrebbero abbandonata poco dopo in strada piena di lividi. La ragazza poi sarebbe riuscita ad arrivare a piedi sino ad un bar aperto per contattare e chiedere aiuto al padre. Adesso il caso è in mano ai carabinieri che stanno ricostruendo quanto accaduto per trovare elementi utili ed arrestare i responsabili dell’aggressione.

Leggi anche —> Svolta nell’omicidio del pittore romano: tutto grazie a dei semi di girasole