Cadavere nel torrente: “La probabilità che sia lei è alta”

0
425
Carabinieri
Carabinieri (foto dal web)

I familiari di Luciana Fantato, scomparsa da Gambolò nel novembre 2017, saranno sottoposti all’esame del Dna a seguito del ritrovamento di un cadavere nel torrente Terdoppio.

Nei giorni scorsi tre agricoltori che cercavano un po’ di refrigerio sulle rive del torrente Terdoppio nel territorio di Alagna Lomellina, comune in provincia di Pavia, hanno fatto una macabra scoperta. I tre hanno rinvenuto un cadavere, dal busto in su, in avanzato stato di decomposizione. Immediatamente contattati i carabinieri sono scattate le indagini per risalire all’identità del corpo che si ipotizza possa appartenere a Luciana Fantato, la donna 59enne scomparsa da Gambolò il 10 novembre 2017. Del caso si è occupata la trasmissione di Rai 3 Chi l’ha visto? che ha intervistato i familiari della donna di cui si sono perse le tracce oltre un anno e mezzo fa.

Cadavere nel torrente Terdoppio: i familiari di Luciana Fantato saranno sottoposti all’esame del Dna

I familiari di Luciana Fantato, la casalinga di 59 anni scomparsa nel novembre 2017 da Gambolò, verranno sottoposti all’esame del Dna il prossimo 4 luglio. La decisione, comunicata al marito e ai figli dalla donna convocati in caserma, è arrivata in seguito al ritrovamento di un cadavere nel torrente Terdoppio ad Alagna Lomellina (Pavia) domenica scorsa, 23 giugno. A ritrovare il corpo in avanzato stato di decomposizione sono stati tre agricoltori che hanno subito chiamato i carabinieri. Dai primi accertamenti è risultato che il corpo, di cui non è stata ancora riscontrata l’identità, possa appartenere ad una donna dato che sono stati trovati un reggiseno ed un maglione verde. Essendo che il torrente scorre anche a Gambolò, gli inquirenti hanno ipotizzato possa trattarsi di Luciana Fantato, anche se si stanno controllando gli elenchi delle persone scomparse in Lombardia e Piemonte, e per queste ragioni i familiari della donna verranno sottoposti all’istituto di medicina legale di Pavia al test del Dna, i cui risultati saranno messi a confronto con quelli dell’autopsia che sarà effettuata sul cadavere e arriveranno tra una quindicina di giorni. A confermare questa circostanza sono stati gli stessi parenti, il marito della donna Pierino Marcantognini e la figlia Marta, che sono stati intervistati dal programma condotto da Federica Sciarelli Chi l’ha visto? nella puntata andata in onda ieri, mercoledì 26 giugno. “Il mio primo pensiero -ha dichiarato Pierino Marcantognini- è stato quello del suicidio. Io spero che non sia mia moglie, però la probabilità che sia Luciana è alta“.

Leggi anche —> Arrestati gli assassini di Mirko Romano, il Valerio della serie Gomorra