Max Biaggi prova il modello della Voxan Wattman (© Charly Gallo)
Max Biaggi prova il modello della Voxan Wattman (© Charly Gallo)

Motociclismo | Max Biaggi, lavori in corso per battere un record mondiale (GALLERY)

Fervono i lavori in corso alla Voxan, il marchio di moto elettriche che, nell’agosto del prossimo anno, tenterà di battere un record mondiale con Max Biaggi. Il sei volte campione del mondo di motociclismo tenterà di superare i 330 km/h, attuale primato di velocità massima su terra sulle due ruote spinte da un motore elettrico, in sella ad una Voxan Wattman in Bolivia, sul più grande deserto di sale del mondo, il famoso Salar de Uyuni.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Per prepararsi a questa sfida, il pilota romano (che proprio ieri ha compiuto 48 anni) si è recato nel quartier generale della Casa, che condivide la sede con la monegasca Venturi, dove ha provato l’ergonomia della moto e si è sottoposto ad una scansione 3D per prendere le misure del suo corpo, una fase chiave per lo sviluppo tecnico di questo veicolo unico al mondo, progettato specificamente per l’occasione.

Per Max Biaggi un’esperienza totalmente nuova

Grazie a questa sessione di lavoro, ai dati raccolti e alle sensazioni di Biaggi, il progettista Sacha Lakic potrà ora modificare il disegno del modello, realizzare una versione 3D con le esatte specifiche tecniche della moto ed identificare così le soluzioni migliori e più affidabili. Questa fase preparatoria è decisiva, perché proprio l’aerodinamica sarà un fattore chiave per il successo di questo tentativo di battere il record. All’inizio del prossimo anno è poi fissata la scadenza per l’assemblaggio della moto.

Leggi anche -> Max Biaggi compie 48 anni, dai duelli con Rossi ai titoli in SBK

“Abbiamo imparato molto in questa prima sessione di lavoro, specialmente nell’adattamento della posizione di guida”, ha spiegato Max Biaggi. “Non si tratta della tipica postura da corsa, devo letteralmente diventare una cosa sola con la moto, avvicinarmi il più possibile al telaio e al terreno. Ho dovuto imparare ad abituarmici e a lavorare con i limiti tecnologici esistenti. Mi sento circondato da un team estremamente motivato, mi aspetto un’esperienza senza precedenti e spero davvero di battere un altro record”.

Fabrizio Corgnati