Diesel auto
photo dal web

Auto a diesel: fino a quando si può circolare?

Le auto a diesel hanno gli anni contati, per quanto siano mantenute in regola ed efficienti, anche se con pochi chilometri. L’inquinamento atmosferico sta accelerando sulle scadenze e presto in molte aree urbane non si potrà più circolare. Ma fino a quando potremo usare la nostra vecchia auto?

Innanzitutto bisogna leggere la carta di circolazione e capire quale sia la classe di inquinamento di omologazione che oggi va da Euro 0, le più «inquinanti» a Euro 6 e verificare se la vettura monta di serie il FAP o il DPF (il filtro antiparticolato).

Dal 25 febbraio 2019 nell’area urbana di Milano il blocco è fissato in tutti i giorni feriali dalle 7.30 alle 19.30 per tutte le vetture più datate. Parliamo delle Euro 0 benzina e delle Euro 0, 1, 2, 3 diesel senza FAP, ma ci sono vincoli anche per le Euro 3 diesel con FAP di serie.

Dal 1° ottobre 2019 stop alle vetture Euro 4 diesel senza FAP, Euro 3, 4 diesel con FAP di serie. Poi stop anche alle Euro 0, 1, 2, 3, 4 diesel con FAP after-market installato dopo 31.12.2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4. Dal 1° ottobre 2022 le limitazioni dovrebbero scattare per le Euro 2 benzina, Euro 3, 4 diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione <= 0,0045 g/km, le Euro 0, 1, 2, 3, 4 diesel con FAP after-market installato entro 31.12.2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4 e attenzione anche le Euro 5 diesel.

Dal 1° ottobre 2025 stop alle Euro 3 benzina, alle Euro 6 diesel leggeri A-B-C acquistati dopo 31.12.2018. Dal 1° ottobre 2028 dovranno fermarsi anche le Euro 4 benzina e le Euro 6 diesel leggeri A-B-C acquistati entro il 31.12.2018.

Se quindi state per comprare un’auto nuova meglio tenere bene a mente queste limitazioni. Inoltre la rivendita dell’usato potrebbe comportare forti perdite di valore economico. Se volete andare sul sicuro meglio optare per un veicolo ibrido, elettrico o Bi-fuel. Infine, se pensate che questo sia solo un problema delle grandi aree metropolitane come Milano, vi sbagliate di grosso. Le prime limitazioni stanno già fioccando anche nei piccoli centri urbani.