Vettel smentisce le voci di ritiro e rilancia: “Io come Schumacher”

0
139
Sebastian Vettel (©Getty Images)

F1 | Vettel smentisce le voci di ritiro e rilancia: “Io come Schumacher”

Archiviato un GP di Francia abbastanza incolore che lo ha visto tagliare il traguardo in quinta piazza, Sebastian Vettel si è trovato per l’ennesima volta a dover rispondere a domande su un suo prossimo ritiro dal Circus, come al solito negando la possibilità.

Forse non sarò intelligente abbastanza, ma non ho mai riflettuto su queste cose“, le sue parole riportate dall’Express. “Non interessandomi essere altrove, non ci penso. Ovviamente mi paicerebbe essere in un’altra posizione in classifica, tuttavia starà a noi recuperare il gap dalle Mercedes“.

Facendo una comparazione con il 2015 o il 2016, di questi tempi eravamo più competitivi, ciò significa che dobbiamo capire cosa migliorare“, ha evidenziato il driver di Heppenheim.

> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Vettel convinto di poter ancora vincere

Sempre a proposito del suo ipotetico futuro, Seb ha parlato con il sito Socrates. Anche in questo caso il quattro volte iridato ha affermato di non aver ancora preso in considerazione alcuna opzione.

Per adesso ho un contratto che dura fino al termine del 2020” ha sostenuto facendo poi intuire che come per Hamilton molto dipenderà da cosa verrà deciso da Liberty Media e FIA per la F1 del 2021, “Al momento cosa succederà in termini di regolamento o più in  generale non è dato sapersi. Posso comunque confermare che non starò nella serie per un periodo altrettanto lungo rispetto a quello da cui sono presente. Detto ciò, non voglio pensare ai numeri. Oggi sono considerato vecchio, a differenza di quanto poteva capire una quindicina di anni fa. Michael Schumacher aveva la mia età quando ha vinto il primo dei suoi cinque mondiali con la Ferrari. Quindi, se dovessi conquistare altri 5 o 6 titoli consecutivi avrei 36 o 37 anni, proprio come lui…”, ha concluso lasciando intuire che se lascerà non sarà per motivi anagrafici.

Chiara Rainis