Colpo di scena in F1: tornano i rifornimenti in gara?

0
1418
Felipe Massa, Ferrari 2008 (©Getty Images)

F1 | Colpo di scena nel Circus: tornano i rifornimenti in gara?

A lanciare questa pazza idea è stato Romain Grosjean, convinto che una variabile in più potrebbe tornare a vivacizzare dei GP diventati per la maggior parte soporiferi, e con lui, finora, si sono schierati molti tifosi della massima serie a ruote scoperte.

Insomma, la possibilità di rivedere i rifornimenti in una corsa di F1 potrebbe non ridursi a mera fantasia da bar sport sebbene per ora sia soltanto una delle tante chiacchiere da paddock che sta facendo il giro del web specializzato. Per il momento i team principal interpellati sulla questione si sono dichiarati scettici, ma il responsabile Pirelli Mario Isola ha affermato di essere favorevole.

> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Le voci pro e contro

Totalmente contrario a questa chance si è dichiarato il boss Red Bull Christian Horner. “Non è un’opzione contemplabile in quanto non farebbe bene allo show“, il pensiero dell’inglese riportato dal sito TheJudge13.com. “Se guardiamo alle gare che prevedano il rabbocco di benzina, erano noiosissime. Allora la strategia veniva improntata sul quantitativo imbarcato“.

Della medesima opinione si è detto il capo della Mercedes Toto Wolff, il quale tuttavia ha preferito lasciare aperta la porta. “Il reintegro del pit stop completo renderebbe i gran premi ancora più prevedibili poiché le strategie sarebbero uguali per tutti. Senza dimenticare il fattore costi che di certo sarebbero maggiori o addirittura molto più alti. In ogni caso qua non abbiamo vacche sacre e tutto può essere analizzato e discusso nell’ottica di decidere per il meglio dello sport“, ha argomentato il manager austriaco.

Meno dubbioso della bontà di un’ipotetica scelta in questo senso, il capo del fornitore unico del pneumatici Isola ha  argomentato: “Tutto ruota attorno al peso della vettura. Considerato che non si può risparmiare in materiali per la sicurezza, così facendo i piloti non sarebbero più costretti a partire con 110 kg di benzina a bordo e anche le gomme soffrirebbero di meno“.

Chiara Rainis